ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

NEWS

Cavallo abbattuto – Quintana di Foligno: le considerazioni di Horse Angels

Bozza automatica 9

Home 36

Condividi:
Print Friendly, PDF & Email

19 giugno 2017

Home 35

Un cavallo partecipante alla Quintana di Foligno, Wind of Passion del rione Giotti, è stato abbattuto ieri, domenica 18 giugno 2017, dopo una caduta avvenuta durante la corsa di sabato 17: ecco le considerazioni del caso. Wind of Passion, questo il nome del cavallo morto per il divertimento della piazza, si era infortunato nel corso della seconda tornata della “sfida” del torneo storico, riportando durante la manifestazione “una lesione all’apparato di sospensione del nodello degli arti anteriori”. Ricoverato in clinica, riportano i media, gli è stato applicato un bendaggio rigido in anestesia generale ed approntata una terapia di sostegno per stabilizzarlo per poter procedere con un eventuale intervento chirurgico, che tuttavia non è stato possibile effettuare perché il cavallo sarebbe morto per arresto cardiaco (fonte: Nota dell’Ente Giostra, professor Marco Pepe del Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università di Perugia).

Home 42

Uno scatto che riassume la tragicità dell’incidente di sabato 17 giugno ©leggo.it

E’ (troppo) spesso così. La storia si ripete in questo genere di eventi, tanto che sembrano spesso cronache di morti annunciate. I commenti poi sono sempre identici: fatalità, lutto degli organizzatori… tradendo una sorpresa illogica, quando lo morte è spesso preannunciata e si fa troppo poco per prevenirla.

jumping 728x90

In quanto alle cure in caso di incidenti: difficile che, per cavalli non più competitivi, i proprietari interessati ai palii decidano di investire migliaia di euro per interventi chirurgici e profilassi di recupero funzionale. Parliamoci chiaro, più spesso che non, questi animali sono visti solo come strumenti per spettacoli circensi che, quanto più pericolosi e a rischio di morte, tanto più sono valutati eccitanti e fomentano un pubblico di “ultras”, competitivo con quello degli stadi di calcio in quanto a pathos versato nell’evento.

Visto dalla parte del cavallo, lo “spettacolo” delle morte ai palii è purtroppo ripetitivo, monotono, tutt’altro che eccitante: cavalli spronati, eccitati, frustati, costretti a correre una corsa che, potendo scegliere, rifuggirebbero. Vi sono persone che tengono a questi eventi con enorme foga e disposte anche ad illeciti pur di averla vinta, quando ne hanno l’occasione e mancano i freni morali (come dimostra la cronaca giudiziaria recente). Il rischio di somministrazione di sostanze che possano alterare la prestazione sportiva va preso in considerazione quando i sentimenti che legano a questi palii sono “tribali” e la cultura equestre vera, fatta di amore e rispetto per gli animali in primis, è del tutto assente, cancellata dal desiderio di vincere e di accumulare benefit legati alla vittoria.

E’ così che le morti ai palii diventano danni collaterali da sopportare, rischi del mestiere. Anche quando si arriva al processo è difficile, nel sistema Italia, arrivare a condanna, persino quando sono stati ipotizzati altri reati annessi, come il doping o l’eutanasia indotta in modo irregolare, per produrre un arresto di vita per la comodità dei proprietari che possa apparire come fatalità, quando l’autopsia non è richiesta. L’Italia è oramai tutta un palio. L’elenco degli eventi collegati è lungo e si sbizzarrisce in ogni sorta di variante: giostra, processione, palio, corsa a vuoto… Sul tutto piovono soldi pubblici e non c’è ordinanza per la tutela che tenga, ogni anno porta con sé le sue “morti sacrificali per palio”.

Resta fermo il fatto che le corse di animali, quando hanno l’abitudine di tingersi del nero del lutto, sono un segno di arretratezza culturale che l’Italia tarda a colmare.

© Roberta Ravello – Horse Angels Onlus – riproduzione riservata; vedi anche qui; foto copertina: ©rgunotizie.it

 

equitare-galoppo 336x280 3

HorseAngel 728x90 2

TAG

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CAPTCHA


Redazione EQIN
INVIA
Il sito è protetto da copyright!