ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

EQUESTRIAN INSIGHTS Gestione, strumenti, tecnica e addestramento

Le maschere anti stress (o terapeutiche): scopriamo qualcosa di più

Le maschere anti stress (o terapeutiche): scopriamo qualcosa di più
Condividi:
Print Friendly, PDF & Email

 

#focus

Gli sport equestri lasciano spesso spazio all’innovazione specie per ciò che riguarda l’attrezzatura in lavoro (senza entrare nel merito di “giusto o sbagliato che sia”): tra le ultime virate nel nostro sport, avrete notato che sono sempre di più i cavalieri ad utilizzare le cosiddette maschere antistress per i cavalli (Liquid Titanium Therapeutic Mask) – quelle che rendono gli atleti equini tutti cloni di Zorro – sia nel lavoro in casa, sia durante le competizioni. Scopriamo di più sul perché si usano e sul loro funzionamento, ricercando spiegazioni scientifiche dei benefici reali che si nascondono dietro al loro utilizzo.

Le maschere anti stress (o terapeutiche): scopriamo qualcosa di più 1

In origine, queste “maschere antistress” o “terapeutiche” provengono dall’ippica, in particolar modo utilizzate per gli race horses nelle gare di galoppo. Disponibili con o senza copertura alle orecchie, il principio base del loro funzionamento riguarda la dispersione del titanio liquido incorporato nel tessuto elasticizzato traspirante mediante la tecnologia dei metalli idrosolubili.

Stando alla descrizione dei principali produttori di queste maschere, i benefici “naturali” che potrebbero apportare riguardano:

  • la riduzione di ansia e stress;
  • il miglioramento della concentrazione del cavallo / della sua capacità di restare focalizzato;
  • una facilitazione nella dispersione del sudore, evitando cosi eventuali fiaccature causate dai finimenti nella sensibilissima zona del viso.

Come dovrebbero funzionare:

  • Miglioramento della circolazione sanguigna
  • Aumento del metabolismo
  • Aumento della produzione di ossido nitrico (NO o più correttamente monossido di azoto), mediatore endogeno di processi particolarmente importanti, come la vasodilatazione e la trasmissione degli impulsi nervosi.
  • Riduzione dell’accumulo di acido lattico

L’uso del condizionale ovviamente non è casuale, perché servirebbe più che altro capire che cosa dica la ricerca scientifica in merito a queste maschere; non sono molti gli studi che al momento se ne sono occupati – essendo l’utilizzo massivo di questo dispositivo un’abitudine abbastanza recente – e non è stato semplice trovare qualche spiegazione chiara e approvata dai veterinari circa le effettive proprietà di questo dispositivo “terapeutico”, che vede oggi diversi produttori nel mondo e migliaia di applicazioni sui cavalli.

Le maschere anti stress (o terapeutiche): scopriamo qualcosa di più 2

Il professor Buck Doffe, dell’Advanced Psychological Research Institute Laboratory, ha riferito ai colleghi di HorseandHound che i risultati di analisi di alcune ricerche svolte a campione al momento sembrerebbero positivi. Tuttavia, va anche detto che, in assenza di comprovante letteratura scientifica, potrebbe anche semplicemente trattarsi di quel che in medicina è ben noto come effetto placebo: ovverosia, in questo caso, il cavaliere, convinto dell’efficacia della maschera per il proprio cavallo, riferisce/ottiene dei benefit o dei miglioramenti anche quando in realtà il cavallo concretamente non ne ha. Dato che gli equini non possono parlare…

Vi terremo informati circa eventuali aggiornamenti provenienti da studi scientifici sulle Maschere Terapeutiche al titanio liquido. Tuttavia, Equestrian Insights è curiosa di sapere cosa ne pensate voi di questa tecnologia: state utilizzando le Maschere anti stress? Quali sono le vostre impressioni? Via mail: info@equestrianisghts.it ; whatsapp: +39 333 772 6234 (clicca sul pulsante / icona sul lato destro).

(14 giugno 2022) © B.Scapolo; riproduzione riservata; tutte le foto: © A.Benna / EqIn

 

 

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CAPTCHA


Redazione EQIN
INVIA
Il sito è protetto da copyright!