ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

NEWS

I nuovi diplomati alla Young Riders Academy for Jumping

Condividi:
Print Friendly, PDF & Email

Lugano, 14 febbraio 2017

Nuovi giovani showjumper europei, provenienti dal terzo anno (2016) del programma Full & Educational della Young Riders Academy for Jumping di Ginevra, che si svolge con il patrocinio della Federazione Equestre europea (EEF), con la collaborazione dell’International Jumping Riders Club (IJRC) e con il supporto di Rolex, hanno completato il loro percorso di perfezionamento e studi. Oltre al nostro Giampiero Garofalo, i membri del team 2016 che hanno ricevuto il prestigioso riconoscimento sono: Cassandra Braeckmans (BEL), Jack Dodd (IRL) Pål Flam (NOR), Eoin McMahon (IRL), Emma O’Dwyer (GBR), Laura Klaphake (GER), Derin Demirsoy (TUR), Laetitia Du Couëdic (SUI), Michael Duffy (IRL), Spencer Roe (GBR), Basile Rubio (FRA).

Fondata nel 2014 da Athenaeum, associazione senza scopo di lucro, il programma di studi della Young Riders Academy for Jumping dà a cavalieri europei di talento (in età compresa tra i 18 e i 23 anni) la possibilità di allenarsi per un lungo periodo in una rinomata scuderia professionale. Inoltre fornisce un’istruzione di alto livello nella comunicazione, in economia e commercio, medicina veterinaria e pratica legale connesse alla disciplina del salto ostacoli. L’obiettivo è quello di formare i futuri campioni anche quali manager di questo sport. “Lavorare con i giovani dà sempre grande emozione. Sono appassionati, vogliono apprendere e sfruttare tutte le opportunità che hanno“, ha affermato Eleonora Ottaviani, membro del consiglio di amministrazione e uno dei fondatori del progetto Young Riders Academy.

I nuovi diplomati alla Young Riders Academy for Jumping

Il team 2016 della Young Riders Academy for Jumping è stato accolto presso la sede della FEI di Losanna, dove il Presidente Ingmar De Vos e il suo staff hanno introdotto i giovani ad alcuni fattori chiave per la crescita futura nel salto ostacoli; come da tradizione, è seguita una visita alla sede della Rolex di Ginevra per conoscere meglio la sponsorizzazione e partnership, per concludere con la cerimonia di premiazione. Durante quest’ultima sessione, Jean-Maurice Bonneau si è aggiunto  alla squadra; insieme a Jos Lansink e Franke Sloothaak costituiranno il team di formazione tecnica per l’Accademia dei prossimi anni.
Alla fine della sua terza edizione il progetto Young Riders Academy for Jumping ha conseguito l’approvazione delle Federazioni, dei top riders, di organizzatori e sponsor; grazie alla collaborazione della Franklin University in Svizzera, con la svedese Università di Uppsala, con il Politecnico EPFL di Losanna e degli esperti chiave del mondo del salto ostacoli, è stato possibile creare un collegamento tra questo sport e l’ambiente scientifico e culturale.

I nuovi diplomati alla Young Riders Academy for jumping di Ginevra 3

I nuovi diplomati alla Young Riders Academy for Jumping di Ginevra team 2016

Subito dopo la cerimonia del Diploma, Basile Rubio ha dichiarato: “La Young Riders Academy for Jumping è stata un’esperienza incredibile basata sulle persone, l’istruzione e lo sport. Abbiamo bisogno di costruire un sistema forte intorno a noi e di essere consapevoli dei cambiamenti nel nostro sport: noi siamo i cavalieri di domani“.

L’Accademia non solo ha migliorato la mia conoscenza su tutto ciò che a che fare con i cavalli, ma ha anche aperto la mente a nuove idee e concetti sulla gestione di una scuderia, che altrimenti avrei ignorato” ha dichiarato Jack Dodd; “Senza dubbio è stato un grande viaggio“, ha continuato Giampiero Garofalo: “Ho imparato ad avvicinarmi alla gestione del cavallo da una prospettiva diversa e sono sicuro che farà la differenza per la mia carriera“.
A parte la formazione con uno dei migliori trainer del mondo, l’Accademia mi ha insegnato che devo essere molto più di un cavaliere. Mi sono state insegnate le competenze per essere un manager, un veterinario, un imprenditore, un ambasciatore, un contabile, ma anche a pensare un po’ come un avvocato, un giornalista e uno steward dello spettacolo. Serve molto di più che essere un cavaliere per completare il puzzle e diventare un campione“, ha concluso Emma O’Dwyer.

Tra pochi mesi ci saranno le selezioni 2017 ad Arezzo ed altri cavalieri saranno designati; questo non significa che la squadra attuale sarà parte del passato. “L’entusiasmo e la passione sono alte da parte di tutte le persone coinvolte“, ha commentato Ottaviani, “il nostro piano è quello di continuare a seguirle come stiamo facendo con i gruppi del 2014 e del 2015“.

Under the patronage of European Equestrian Federation
in cooperation with International Jumping Riders Club
with the support of Rolex.

+info: admin@ridersacademy.eu; www.ridersacademy.eu

Facebook: @yridersacademy; Instagram: yridersacademy

© Riproduzione riservata – Comunicato stampa; Images: Ingmar De Vos, John Roche, Riders Academy team 2016, Eleonora Ottaviani and Sven Holmberg. Credit: YRA Fabio Petroni.

 [:en]” width=”150″ height=”150″ />

Il team 2016 della Young Riders Academy for Jumping è stato accolto presso la sede della FEI di Losanna, dove il presidente Ingmar De Vos e il suo staff hanno introdotto i giovani ad alcuni fattori chiave per la crescita futura nel salto ostacoli; come da tradizione, è seguita una visita alla sede della Rolex di Ginevra per conoscere meglio sponsorizzazione e partnership, per concludere con la cerimonia di premiazione. Durante quest’ultima sessione Jean-Maurice Bonneau si è aggiunto  alla squadra; insieme a Jos Lansink e Franke Sloothaak costituiranno il team di formazione tecnica per l’Accademia dei prossimi anni.
Alla fine della sua terza edizione il progetto Young Riders Academy for Jumping ha conseguito l’approvazione delle Federazioni, dei top riders, di organizzatori e sponsor; grazie alla collaborazione della Franklin University in Svizzera, con la svedese Università di Uppsala, con il Politecnico EPFL di Losanna e degli esperti chiave del mondo del salto ostacoli, è stato possibile creare un collegamento tra questo sport e l’ambiente scientifico e culturale.

I nuovi diplomati alla Young Riders Academy for jumping di Ginevra 3

I nuovi diplomati alla Young Riders Academy for Jumping di Ginevra team 2016

La Young Riders Academy for Jumping è stata un’esperienza incredibile basata sulle persone, l’istruzione e lo sport. Abbiamo bisogno di costruire un sistema forte intorno a noi e di essere consapevoli dei cambiamenti nel nostro sport: noi siamo i cavalieri di domani“, ha dichiarato subito dopo la cerimonia del Diploma Basile Rubio.

L’Accademia non solo ha migliorato la mia conoscenza su tutto ciò che a che fare con i cavalli, ma ha anche aperto la mente a nuove idee e concetti sulla gestione di una scuderia, che altrimenti non avrei saputo” ha dichiarato Jack Dodd; “Senza dubbio è stato un grande viaggio“, ha continuato Giampiero Garofalo: “Ho imparato ad avvicinarmi alla gestione del cavallo da una prospettiva diversa e sono sicuro che farà la differenza per la mia carriera“.
A parte la formazione con uno dei migliori trainer del mondo, l’Accademia mi ha insegnato che devo essere molto più di un cavaliere. Mi sono state insegnate le competenze per essere un manager, un veterinario, un imprenditore, un ambasciatore, un contabile, ma anche a pensare un po’ come un avvocato, un giornalista e uno steward dello spettacolo. Serve molto di più che essere un cavaliere per completare il puzzle e diventare un campione“, ha concluso Emma O’Dwyer.

Tra pochi mesi ci saranno le selezioni 2017 ad Arezzo ed altri cavalieri saranno designati; questo non significa che la squadra attuale sarà parte del passato. “L’entusiasmo e la passione sono alte da parte di tutte le persone coinvolte“, ha commentato Ottaviani, “il nostro piano è quello di continuare a seguirle come stiamo facendo con i gruppi del 2014 e del 2015“.

Under the patronage of European Equestrian Federation
in cooperation with International Jumping Riders Club
with the support of Rolex.

+info: admin@ridersacademy.eu; www.ridersacademy.eu

Facebook: @yridersacademy; Instagram: yridersacademy

© Riproduzione riservata – Comunicato stampa; Images: Ingmar De Vos, John Roche, Riders Academy team 2016, Eleonora Ottaviani and Sven Holmberg. Credit: YRA Fabio Petroni. Foto di copertina: alcuni candidati prima della selezione finale: Photo ridersacademy.

  2″ width=”300″ height=”200″ />

Il team 2016 della Young Riders Academy for Jumping è stato accolto presso la sede della FEI di Losanna, dove il presidente Ingmar De Vos e il suo gruppo hanno introdotto i giovani ad alcuni fattori chiave per la crescita futura nel salto ostacoli; come da tradizione, è seguita una visita alla sede della Rolex di Ginevra per conoscere meglio sponsorizzazione e partnership, per concludere infine con la cerimonia di premiazione. Durante quest’ultima sessione Jean-Maurice Bonneau è stato parte della squadra; insieme a Jos Lansink e Franke Sloothaak costoro costituiranno la squadra di formazione tecnica per l’Accademia dei prossimi anni.
Alla fine della sua terza edizione il progetto Young Riders Academy for Jumping ha incontrato l’approvazione delle federazioni, di top riders, di organizzatori e sponsor; grazie alla collaborazione la Franklin University in Svizzera, con la svedese Università di Uppsala, con il Politecnico EPFL di Losanna e di esperti chiave del mondo del salto ostacoli, è stato poi possibile creare un collegamento tra questo sport e l’ambiente scientifico e culturale.

 3
La Young Riders Academy for Jumping è stata un’esperienza incredibile basata sulle persone, l’istruzione e lo sport. Abbiamo bisogno di costruire un sistema forte intorno a noi e di essere consapevoli dei cambiamenti nel nostro sport: noi siamo i cavalieri di domani“, ha dichiarato subito dopo la cerimonia del Diploma Basile Rubio.

L’Accademia non solo ha migliorato la mia conoscenza su tutto ciò che a che fare con i cavalli, ma ha anche aperto la mente a nuove idee e concetti sulla gestione di una scuderia, che altrimenti non avrei saputo” ha dichiarato Jack Dodd; “Senza dubbio è stato un grande viaggio“, ha continuato Giampiero Garofalo: “Ho imparato ad avvicinarmi alla gestione del cavallo da una prospettiva diversa e sono sicuro che farà la differenza per la mia carriera“.
A parte la formazione con uno dei migliori trainer del mondo, l’Accademia mi ha insegnato che devo essere molto più di un cavaliere. Mi sono state insegnate le competenze per essere un manager, un veterinario, un imprenditore, un ambasciatore, un contabile, ma anche a pensare un po’ come un avvocato, un giornalista e uno steward dello spettacolo. Serve molto di più che essere un cavaliere per completare il puzzle e diventare un campione“, ha concluso Emma O’Dwyer.

Tra pochi mesi ci saranno le selezioni 2017 ad Arezzo ed altri cavalieri saranno designati; questo non significa che la squadra attuale sarà parte del passato. “L’entusiasmo e la passione sono alte da parte di tutte le persone coinvolte“, ha commentato Ottaviani, “il nostro piano è quello di continuare a seguirle come stiamo facendo con i gruppi del 2014 e del 2015“.

Under the patronage of European Equestrian Federation
in cooperation with International Jumping Riders Club
with the support of Rolex.

+info: admin@ridersacademy.eu; www.ridersacademy.eu

Facebook: @yridersacademy; Instagram: yridersacademy

© Riproduzione riservata – Comunicato stampa; Images: Ingmar De Vos, John Roche, Riders Academy team 2016, Eleonora Ottaviani and Sven Holmberg. Credit: YRA Fabio Petroni. Foto di copertina: alcuni candidati prima della selezione finale: Photo ridersacademy.

 

TAG

Scrivi un commento

Redazione EQIN
INVIA
Il sito è protetto da copyright!