ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

NEWS

Urinare nel box: cattiva abitudine anche per i test doping

Urinare nel box: cattiva abitudine, anche per l'anti-doping
bac 728x90

Condividi:

29 giugno 2020 #news

goldspan_728x90

mascheroniselleria 728x90

Chiunque frequenti attivamente le scuderie spesso ha assistito ad una pratica che riguarda molte, moltissime persone/addetti, ossia quella di urinare nello strame del box del/dei proprio/i cavalli….

saferiding 728x90

Ammesso e non concesso che questa prassi possa essere “giustificabile”, almeno in alcune occasioni particolari (tipo l’avere i bagni lontanissimi, o ritrovarsi a “non poterne veramente più”), prima di raccontarvi cos’è nello specifico successo ad una top showjumper a causa di questa cattiva abitudine, vorremmo sottolineare almeno due aspetti:

HorseAngel 728x90

jumping 728x90

  1. l’urina umana non è affatto “la stessa” rispetto a quella espulsa dagli equidi: fosse peraltro, noi siamo onnivori, non erbivori come i cavalli, dunque i concentrati di sostanze chimiche espulsi cambiano, e non di poco, specie se stiamo assumendo farmaci – come vedremo, anche un semplice antidolorifico. Alcuni studi hanno inoltre dimostrato l’esistenza di una flora batterica residente nella vescica umana – a seconda dello stato patologico in cui versa il soggetto – che viene sempre espulsa/immessa nell’ambiente tramite la minzione. Non è un mistero, per nessuno, che i bagni pubblici possano essere vettori di contaminazioni; figuriamoci un box a cielo aperto…
  2. Fare i propri bisogni nel box del proprio cavallo è, se vogliamo, un atto maleducato, sommamente irrispettoso, da evitare (è come quando capita che il proprio amico cane utilizzi il nostro soggiorno / altri luoghi interni in casa nostra – quando potrebbe uscire in giardino, per espletare la sua minzione; capita con i cuccioli per un po’, ma il nostro sforzo è rivolto a far sì che imparino e la smettano, perché “non si fa”….). Non stiamo solo parlando di rispetto verso i cavalli, i quali, come tutti gli animali a casa propria, al di là del proprio odore, di certo non gradiscono esalazioni estranee in un box di 4 mt x 4 (quando va bene); è irrispettoso anche nei confronti di chi i box li deve pulire! Un conto sono le minzioni di un erbivoro come il cavallo (che sono già meno invasive/odorose di quelle, ad esempio, dei bovini), un conto sono quelle di un uomo, magari nemmeno sano al 100%.

Premesso ciò, diamo a chi ha questa discutibile abitudine un ulteriore motivo di riflessione: la cavalla francese del 2006 Saura De Fondcombe (Balou Du Rouet x Paladin Des Ifs), vincitrice della medaglia di bronzo a squadre agli Europei con l’oggi 36enne Nadja Peter Steiner, è risultata, 2 anni fa, positiva alla sostanza vietata o-desmetiltramadolo, un metabolita del Tramadolo, un oppioide sintetico che costituisce il principio attivo di farmaci antidolorifici, in un campione prelevato presso un CSI3* svoltosi a Tetouan, in Marocco, dal 5 all’8 ottobre 2017.

L’amazzone elvetica, che vanta nel suo curriculum 1582 partecipazioni a concorsi internazionali e ben 82 vittorie, non è stata allora in grado di giustificarsi, ossia di stabilire/indicare con assoluta certezza la fonte del campione positivo al test antidoping per la sua cavalla; in seguito all’esame anti doping, all’amazzone è stata imposta una sospensione di due anni –  che si sarebbe dovuta concludere il prossimo 21 maggio 2021. È stata inoltre multata di 7.500 franchi svizzeri (£ 6,131) + 2.000 franchi per le spese legali.

Il 16 marzo Nadja ha presentato ricorso in appello dinanzi alla Court of Arbitration for Sport (CAS). Con ulteriori indagini, è risultato che una persona di supporto della squadra di Nadja, che è stato con i cavalli in Marocco per tutta la durata dell’evento, aveva assunto l’antidolorifico Tramadolo per alleviare il proprio mal di schiena. L’autista confessò di aver urinato nella zona dei cavalli e non ha potuto sostenere di non averlo fatto in prossimità dei box (“non ricordava con certezza”).

Condividi:

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Tutto il sito è protetto da copyright!