ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

NEWS

Il monito della FEI sulla sinefrina, tra le sostanze proibite per i cavalli

Anche la sinefrina tra le sostanze proibite per i cavalli

Condividi:

17 maggio 2019 #news

La Fédération équestre internationale avvisa la comunità equestre riguardo alla sinefrina,
che rientra nell’elenco delle sostanze proibite per gli equidi (clicca qui per l’elenco completo). E’ infatti risultato positivo a questa sostanza un numero elevato di campioni prelevati da cavalli durante i test di controllo del doping e, al contempo, il programma di monitoraggio e controllo dei farmaci dispensati ne conferma purtroppo l’utilizzo sugli equidi. Molte delle indagini sui casi risultati positivi alla sinefrina sono ancora in corso.


Di che cosa si tratta?
La sinefrina è uno stimolante che può causare vasocostrizione e un aumento della frequenza cardiaca ed è comunemente usato a fini dimagranti, ovviamente al di fuori dell’ambito equestre. Estratta dal frutto immaturo di Citrus aurantium (arancio amaro o arancia di Siviglia), questa sostanza contiene un atomo di azoto ed è definita simpaticomimetica perché provoca reazioni simili a quelle regolate dal sistema nervoso simpatico: stimolanti, eccitanti e contraenti. La sinefrina ha guadagnato popolarità a discapito dell’efedrina, bandita nel 2004 dalla FDA (Food And Drug Administration) per rischi correlati ad abusi ed all’uso illegale per sintetizzare metamfetamina. In effetti, efedrina e sinefrina sono molto simili dal punto di vista chimico.

saferiding 336x280

Per ciò che riguarda i cavalli, la sinefrina può anche essere trovata come ingrediente di integratori a base di erbe e nutrizionali o come agente aromatizzante di diversi altri prodotti. Pertanto, la FEI invita caldamente le parti interessate a vigilare sulle possibili fonti di sinefrina nei cavalli e di attuare pratiche di gestione per prevenire la contaminazione o l’ingestione involontaria della sostanza vietata. Le principali misure che possono essere adottate per prevenire risultati positivi all’antidoping in questo caso riguardano tutte una particolare attenzione a mangimi ed integratori assunti dai cavalli. E’ inoltre necessario assicurarsi che tutto il personale che si occupa di somministrazione di integratori o altri prodotti contenenti sinefrina usi i guanti o si lavi accuratamente le mani dopo essere entrati in contatto con la sostanza. Inoltre, si raccomanda di conservare i campioni di tutti i lotti di fieno speciali, mangimi ed integratori somministrati ai cavalli da competizione per consentire un supplemento d’indagine nel caso in cui il cavallo risultasse positivo proprio alla sinefrina.
Ulteriori informazioni sulla prevenzione della contaminazione involontaria dei cavalli con sostanze proibite sono disponibili a questo link.

© Redaz. – riproduzione riservata; fonte principale: FEI; foto doping horse control © horseandhound.co.uk

Condividi:
Endurance



Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Tutto il sito è protetto da copyright!