Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

Equestrian Books EQUESTRIAN INSIGHTS Gestione, strumenti, tecnica e addestramento

Imparare a respirare correttamente a cavallo

Condividi:

16 maggio 2017 – #focus



E’ noto che la maggior parte dei cavalieri, specie durante lo svolgimento di una competizione, trattenga il respiro o effettui solo pochi ed irregolari atti respiratori; meno noto è il fatto che anche durante una normale sessione di allenamento in maneggio la maggior parte delle persone in sella abbia un’attività respiratoria non regolare: questa condizione non solo costringe il cuore e il sistema circolatorio ad un iperlavoro, ma influisce direttamente sul rilassamento della muscolatura e dunque sull’armonia dello stare in sella. Un uso corretto della respirazione è di grande importanza: provate a trattenere il fiato per dieci secondi, per poi tornare a respirare normalmente; per tutti diverrà evidente come il corpo si contragga bloccando la respirazione, e come esso si rilassi subito quando riprendiamo regolarmente l’attività. Arrestando la respirazione o respirando inadeguatamente si creano tensioni nel corpo, che il cavallo puntualmente avvertirà e registrerà: matematicamente, se anche involontariamente tratteniamo il fiato, compariranno i mostri:

E’ infatti possibile calmare un cavallo con la pratica di una nostra corretta respirazione, regolare e ritmata: così facendo lo si può persino aiutare ad accettare oggetti che lo spaventano. Non è quindi da sottovalutare la questione connessa alla corretta respirazione, in cadenza e regolare, specie se vogliamo ottenere il massimo dalle nostre perfomance in sella, a qualsiasi livello. Si può fare ancora di più, cercando di imparare a respirare con tutto il corpo. A tal fine, come insegnano le arti marziali, la respirazione addominale è la più adeguata alla prontezza di esecuzione di movimenti, tanto più se questi necessitano di rapidità e di efficacia d’azione. Si ricordi che ogni nostra azione acquisisce maggior forza durante la fase di espirazione, mentre riduce la potenza notevolmente durante l’inspirazione: non a caso, i pugili sferrano sempre i loro colpi durante la fase di espirazione, mai quando inspirano.

Che cosa s’intende dunque per respirazione addominale o diaframmatica? Immaginate che il vostro addome sia un palloncino che si gonfia quando inspirate e si sgonfia quando espirate. Appoggiare la mano sopra il ventre ed inspirare in maniera profonda con il chiaro intento di gonfiare il ventre facendo attenzione a non muovere il torace;  raggiunto il vostro livello massimo di inspirazione provate ad espirare cercando di svuotare il più possibile il “palloncino” costituito dal vostro ventre (vedi foto qui sotto):

Respirazione diaframmatica

Questo tipo di allenamento, se portato avanti con costanza, consente il passaggio spontaneo alla respirazione addominale altrimenti conosciuta anche come diaframmatica.
Si tenga conto che per natura nei soggetti maschili questo tipo di respirazione è prevalente rispetto alle donne: l’eccessiva pressione diaframmatica potrebbe creare danni al feto, la predisposizione naturale è per un tipo di respirazione costale (toracica). Ciò non toglie che con un adeguato esercizio tutti possano arrivare a rendere spontanea la respirazione diaframmatica, ottenendo un immediato rilassamento tonico di tutto il corpo, con i muscoli ben ossigenati e dunque vigili, pronti all’intervento. Questo modo di respirare ha inoltre l’effetto di abbassare il nostro baricentro avvicinandolo a quello del cavallo, ottenendo maggiore armonia, mobilità e dinamicità del binomio. Il riferimento è al controllo centrato (individuabile nel t’ai chi chi ch’uan) o nella sapiente monta degli Indiani d’America, fulcro della filosofia del volume “Centered Riding. Equilibrio del corpo e consapevolezza interiore di uomo e cavallo” (Equitare Edizioni).

Centered Riding - equilibrio corporeo e consapevolezza interiore nel montare a cavallo 6

La Statua “Preghiera al Grande Spirito” di Cirrus E. Dallin, pubblicata in Centered Riding p. 84 con autorizzazione del Museo di Belle Arti a Boston. All rights reserved

© Redaz; Riproduzione riservata[:en] 6″ width=”207″ height=”300″ /> La Statua “Preghiera al Grande Spirito” di Cirrus E. Dallin, pubblicata in Centered Riding p. 84 con autorizzazione del Museo di Belle Arti a Boston. All rights reserved[/caption]



© Redaz; Riproduzione riservata



Condividi:




TAGS:

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *