ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

EQUESTRIAN INSIGHTS Salute e benessere del cavallo

La taglia della fattrice può influire sulla nascita del puledro? Uno studio austriaco

La taglia della fattrice può influire sulla nascita del puledro? uno studio austriaco
bac 728x90

Condividi:

10 settembre 2020 #focus

goldspan_728x90

mascheroniselleria 728x90

La taglia della fattrice può influenzare il processo di nascita del puledro? La risposta è si, grazie alla ricerca conseguita dall’Università di Medicina Veterinaria di Vienna che ha visto coinvolte 23 fattrici gravide.

saferiding 728x90

Sono tre le categorie di cavalli che sono state selezionate per lo studio: per i piccoli sono stati scelti sei pony Shetland, per i cavalli di taglia media otto cavalle Haflinger ed infine, per quelli di grossa taglia, nove Warmbloods.

HorseAngel 728x90

jumping 728x90

Sulla rivista “Animals”, la dott.ssa Christina Nagel e i suoi colleghi (Maria Melchert, Christine Aurich e Jörg Aurich) hanno annunciato che il peso del puledro si avvicinava sempre al 10% del peso della cavalla, tuttavia il peso relativo della placenta era più alto nelle fattrici di grossa taglia. Gli studiosi hanno riportato che il peso placentare non cambiava tra Shetland e Haflinger, ma che le concentrazioni di progestinici (ormoni che conservano la gravidanza) e di cortisolo (un ormone coinvolto nell’insorgenza del parto ma anche nella risposta dell’animale allo stress) erano più alte nelle fattrici di grande taglia. In tutte le cavalle prese in esame, mentre le concentrazioni di progestinici diminuivano avvicinandosi al parto, le concentrazioni di cortisolo aumentavano. Con una frequenza cardiaca in aumento nelle fattrici immediatamente prima del parto e ancor di più nelle fattrici di piccole dimensioni, dallo studio è risultato anche che le fattrici Shetland hanno partorito prima delle fattrici di taglia più grande.

La taglia della fattrice può influire sulla nascita del puledro? uno studio austriaco 1

Durante il parto, i blocchi atrioventricolari (ossia, l’omissione fisiologica di battiti cardiaci) si sono verificati regolarmente nelle fattrici più grandi, mentre solo occasionalmente nelle fattrici di taglia media e piccola, cosa che, secondo il team di studio, probabilmente riflette differenze nell’efficienza cardiaca. Questa differenza, suggeriscono gli esperti, non è un effetto delle dimensioni bensì un effetto della razza del cavallo. I ricercatori hanno annunciato: “Grazie al loro sistema cardiovascolare e respiratorio altamente efficiente, i cavalli atleti a riposo sono sotto un forte tono parasimpatico, con conseguente riduzione della frequenza cardiaca e insorgenza di blocchi atrioventricolari”.

La frequenza cardiaca del feto è andata sempre a scendere più si avvicinava il parto, ed il calo maggiore si è notato nei cavalli più grandi. In conclusione, questo lavoro ha messo in evidenza le somiglianze e le differenze nei cambiamenti endocrini e cardiaci intorno al momento della nascita in cavalli di diverse taglie.

© Olivia Belloli; riproduzione riservata; fonte principale: horsetalk.co.nz; foto copertina archivio © EqIn/Benna

Condividi:
denirobootco 728x90 1

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Tutto il sito è protetto da copyright!