ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

EQUESTRIAN INSIGHTS Gestione, strumenti, tecnica e addestramento

Mostrami il fiocco che porti, e ti dirò chi sei!

Mostrami il fiocco che porti, e ti dirò chi sei! 1
Condividi:
Print Friendly, PDF & Email

 

#focus

Una tradizione ripresa dalle battute di caccia e diventata consuetudine sui campi gara è quella di apporre, all’occorrenza, sulla coda del proprio cavallo un fiocco (di nastro) che, a seconda del colore, ne indica l’indole o lo stato, diventando così un utile e immediato avvertimento, utile soprattutto nei campi di riscaldamento/prova.

Anche se non specificamente regolamentati, sono otto i diversi colori utilizzati (cinque che si applicano sulla coda del cavallo – uno anche sulla cuffietta, con significato diverso – e tre che vanno invece attaccati al box), che forniscono informazioni utili sul cavallo che lo indossa.

Nei campi gara, sicuramente il più comune fra tutti è il fiocco rosso, il classico nastro “stay away”: il rosso è infatti il colore universale del kicker , il cavallo che calcia. È quindi regola opportuna evitare di passare troppo vicino al cavallo che lo espone per evitare spiacevoli incidenti. Una variante di ultima tendenza, per quei cavalli che in campo prova hanno paura incrociando altri equini (e potrebbero addirittura reagire con un dietrofront), è quella di apporre un fiocco rosso sul frontalino della testiera o sulla cuffietta.

Dunque come sempre ricordiamoci di entrare in campo concentrati e con gli occhi bene aperti, soprattutto se è affollato!

L’ultima tendenza, per quei cavalli che in campo prova hanno paura degli altri equini, e potrebbero addirittura reagire con un dietrofront, è quella di apporre un fiocco rosso sul frontalino della testiera o sulla cuffietta.

Dunque come sempre ricordiamoci di entrare in campo concentrati e con gli occhi bene aperti, soprattutto se è affollato!

Sempre sulla cosa, meno frequente ma altrettanto utile è il fiocco verde, che sta ad indicare che il cavallo è di giovane età quindi inesperto e facilmente impressionabile da ciò che lo circonda, si potrebbe spaventare di rumori, brusii o oggetti inconsueti; anche in questo caso dunque è bene lasciare spazio a possibili imprevedibili movimenti.

C’è poi il fiocco rosa che indica che il cavallo in questione è una femmina in calore ed è utilissimo per chi monta degli stalloni con in quali è bene tenersi alla larga.

I nastri gialli (o talvolta bianchi) indicano che un cavallo è in vendita. Poiché può essere difficile fare pubblicità in gara, usare un nastro apposito è un ottimo modo per rendere nota questa informazione; così i potenziali acquirenti, dopo averlo visto esibirsi in campo, sapranno che possono avvicinarsi al proprietario per pensare ad una trattativa.

Per indicare che un cavallo è uno stallone, informazione anche questa utilissima, non c’è un colore universale: in Italia il colore principale è il bianco ma all’estero possiamo vedere utilizzato anche il giallo o il blu. Dunque come sempre ricordiamoci di entrare in campo concentrati e con gli occhi bene aperti, soprattutto se è affollato!

Mostrami il fiocco che porti, e ti dirò chi sei!

Per quanto riguarda i fiocchi che si attaccano alla porta del box, come abbiamo detto sono di tre colorazioni:

Il blu indica che il cavallo è aggressivo e può mordere, quindi meglio non avvicinarsi, soprattutto nel caso che la finestra del box sia aperta. Il viola indica un cavallo debilitato o che non sta bene, quindi assolutamente vietato infastidirlo con rumori forti o chiacchiere ad alta voce, è bene che venga lasciato tranquillo. Ultimo tra i fiocchi è il nero che indica un cavallo fisicamente fragile, che segue una dieta dedicata e delle cure specifiche, quindi è assolutamente vietato offrigli cibo o leccornie di vario genere.

(23 giugno 2022) © S.Scatolini Modigliani; riproduzione riservata; in copertina archivio © A.Benna / EqIn

 

 

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CAPTCHA


Redazione EQIN
INVIA
Il sito è protetto da copyright!