ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

NEWS

Casadei e Datti in evidenza nello CSIO Youth Final di Kronenberg

Ottimo inizio: Casadei e Datti in evidenza in start up dello CSIO Youth Final di Kronenberg
Condividi:
Print Friendly, PDF & Email

 

22 settembre 2022 #news

Buoni piazzamenti nella 145 odierna dello CSIO Youth di Kronenberg (Olanda) per gli Young Rider azzurri Giacomo Casadei ed Elena Datti.

Il rinnovato impianto del Peelbergen Equestrian Centre di Kronenberg (NED) sta ospitando in questi giorni lo CSIO Youth Final 2022, la magnifica arena ha visto in scena oggi pomeriggio il Grand Prix dedicato ai cavalieri Young Riders di altezza 1.45 mt con un Montepremi di 3.000,00. Lo chef de piste di fama internazionale Louis Konicks (NED) ha ideato un percorso di 13 salti per un totale di 16 sforzi ed un barrage composto da altrettanti 7 ostacoli tra cui una combinazione.

Il Carabiniere Giacomo Casadei in sella a Filou van de Kruishoeve Z ha messo a segno un’ottima performance con due percorsi netti chiusi in 39”.67 che gli sono valsi la seconda posizione in classifica. Filou van de Kruishoeve Z è un castrone sauro di undici anni figlio di Golden Hawk con mamma da Prince de Revel che ha esordito in competizioni internazionali nel 2018 tra le redini di un altro giovane cavaliere italiano: Ernesto Vacirca. Il Carabiniere bolognese ha al suo attivo già svariati titoli a discapito della giovane età, sua infatti la medaglia d’oro individuale alle Olimpiadi giovanili del 2018 di Buenos Aires (MEX) e la quarta posizione ai campionati europei di Oliva Nova in sella a Chacagron PS

Ben 48 sono stati i cavalieri Young Riders che si sono dati battaglia per conquistare l’ambito titolo nella categoria presentata da Bremen. Ma ad avere la meglio su tutti è stata l’amazzone polacca Alessandra Kierznowska accompagnata dall’esperta KWPN nata nel 2006 Badorette (Numero Uno x Nolisco). Anche per questo binomio sono stati due i percorsi senza errori nel tempo di 39”.36.

In terza posizione si è portata la Svizzera rappresentata da Thibaut Keller con Arley de Vayrie (Padock du Plessis x Quite Easy), uno stallone sauro di dodici anni che ha fatto fermare le lancette del cronometro del Peelbergen Centre sui 39”.76.

Ai piedi del podio troviamo ancora un’altra amazzone italiana, si tratta di Elena Datti che ha condotto la sua fidata Nebbia delle Schiave, figlia di Calido I,  in due percorsi senza errori nel tempo di 47”.86. Nebbia delle Schiave ha esordito in competizioni internazionali sotto la sella di Stefano Brecciaroli; nel 2018 le redini sono poi passate ad Elena.

Martinengo e De Luca partono bene nella Ranking Class a 4* di Grimaud

© L.Ruffino; riproduzione riservata; foto: Casadei/Filou archivio © A.Benna / EqIn

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CAPTCHA


Redazione EQIN
INVIA
Il sito è protetto da copyright!