ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

EQUESTRIAN INSIGHTS Salute e benessere del cavallo

Primo soccorso del cavallo: alcune indicazioni e consigli

Condividi:
Print Friendly, PDF & Email

06 settembre 2017 #focus

In caso di emergenze relative alla salute del nostro cavallo (siano queste causate da incidenti o malesseri), non si ribadirà mai abbastanza la primaria necessità di chiamare il proprio veterinario, raccontare con calma l’accaduto, ascoltare le sue prime indicazioni e cercare di mettere in pratica quanto il medico ci suggerisce puntualmente e velocemente, mentre si attende il suo arrivo. Per questa ragione è oltremodo indispensabile avere a portata di mano tutti gli oggetti e gli strumenti necessari al primo intervento – un vero e proprio kit di primo soccorso; un aiuto imprescindibile, che nella maggior parte dei casi si rivela sostanziale per la cura e la sicurezza del nostro compagno e che,  all’occorrenza, ci permette di intervenire con tempestività, con il veterinario al nostro fianco o in sua attesa. Di seguito vi elencheremo quali sono i più importanti prodotti e strumenti da avere nel kit, ma ci preme indicare anche che con altrettanta tempestività sarebbe opportuno portare attenzione a tutti quei comportamenti che si discostano dalla condizione abituale del nostro cavallo: conoscere il proprio animale e ciò che nel suo atteggiamento è abituale permette di identificare qualsiasi eventuale anomalia, come ad esempio la mancanza di appetito, grande irrequietezza, il permanere sdraiato per lungo tempo in box e così via, tutti fattori che indicano la presenza di un disturbo e vanno dunque riferiti al veterinario.

Dunque: a) un buon kit di pronto soccorso, b) imparare ad osservare scrupolosamente il comportamento del cavallo c) chiamare tempestivamente il veterinario di fiducia sono le tre indicazioni primarie che, se seguite, possono davvero fare la differenza per fronteggiare ogni emergenza di salute. Last but not least: non perdete tempo a chiamare l’amico “a cui era capitata una cosa simile” e lasciate pure perdere le richieste di aiuto nei gruppi di Facebook, luoghi che pullulano di pseudo esperti: molto spesso il fattore tempo è determinante per la felice conclusione di ogni situazione, così come è fondamentale un’azione mirata, cose che solo un professionista vi potrà fornire. Interventi inopportuni spesso complicano il quadro clinico, e di gran lunga: qualunque veterinario ve lo potrà confermare e ribadire.

Vediamo quindi quali oggetti e prodotti dovrebbe contenere un buon kit di primo soccorso volto a fronteggiare le emergenze, sia che quest’ultimo sia stato acquistato nella sua confezione apposita o “composto” e contenuto in un contenitore qualunque ma predisposto all’uso:

Garze sterili e cotone idrofilo

Per uso medico e veterinario, indispensabili per la pulizia e il bendaggio delle ferite. Da conservare accuratamente una volta aperta la confezione originale, evitando che i prodotti vengano a contatto con polvere o altri agenti esterni, che potrebbero concorrere all’insorgere di infezioni (ad esempio in un pratico sacchetto zip-loc). Di grande utilità il cotone garzato, utile per medicare opportunamente le ferite, specie degli arti, in commercio in rotoli di varie dimensioni.

Forbici

Di adeguata dimensione, per il taglio delle garze, dei cerotti adesivi e degli altri prodotti che possono richiederne o facilitarne l’utilizzo per l’applicazione.

Soluzione fisiologica sterile

Per la prima detersione delle ferite, diminuire la carica microbica eventualmente presente in prossimità di una ferita e agevolare il processo di guarigione innescato dall’applicazione dei prodotti curativi.

Prodotti antisettici e/antibiotici

Agenti antinfettivi disponibili in diverse forme, soluzioni liquide, spray o pomate, impiegati solitamente su cute e mucose, ideali per un primo intervento disinfettante in caso di ferite, escoriazioni o lacerazioni, così da prevenire o contrastare l’insorgere di infezioni. Un esempio: il Betadine ad uso chirurgico. Possono unirsi all’azione disinfettante anche la tintura di iodio e l’acqua ossigenata. Utile avere a disposizione anche un prodotto antibiotico, in spray o polvere, per una rapida applicazione.

Bende elastiche o adesive

Disponibili in una grande varietà di tipologie sono necessarie per fermare saldamente le garze o le fasciature laddove posizionate. Possono anche essere autobloccanti (come nel caso del comune Vetrap).

Fasce

Pulite, non adesive, anche di utilizzo quotidiano. Queste vanno applicate facendo attenzione che la pressione sulla gamba sia uniforme e non eccessiva, così da non causare ulteriori danneggiamenti, senza pieghe.

Termometro digitale

Di più rapida e agevole lettura rispetto al vecchio termometro con la colonnina in mercurio, è probabilmente il primo strumento a cui si fa ricorso nella valutazione dello stato di salute del cavallo. La sua temperatura normale è compresa tra 37,5°C e 38,5°C, valori differenti sono un importante indice che qualcosa non va.

Siringhe

Nel caso sia necessario procedere con la somministrazione di trattamenti in forma liquida (sotto stretto controllo veterinario) o, più semplicemente, siringhe senza ago (da 20 cc o più grandi) per la detersione delle ferite con acqua o soluzione fisiologica. Fate attenzione a disporre anche dei cosiddetti “aghi rosa”, più spessi di un ago normale, utili soprattutto per iniezioni intramuscolari.

Pinzette

Della corretta dimensione, utili per estrarre eventuali corpi esterni dalle ferite come sporco e detriti.

Guanti usa e getta

In lattice, di comune utilizzo e indispensabili per assicurare il più elevato livello di igiene.

Un buon kit di pronto soccorso, facilmente accessibile in scuderia e da portare con sé in viaggio, è quanto di più indispensabile per affrontare dunque un’emergenza e permettere un primo intervento per evitare il peggioramento delle condizioni del nostro cavallo. Ricordate che anche le ferite all’apparenza più innocue, infatti, possono rivelarsi pericolose se non vengono trattate con tempestività e metodo.

©Maria Cristina Bongiovanni – Riproduzione riservata; foto ©Pinterest

TAG

Scrivi un commento

Redazione EQIN
INVIA
Il sito è protetto da copyright!