ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

NEWS

Resa “condizionata” di Rouen e Lyon, ci si interroga su Verona

Resa condizionata di Rouen e Lyon: cosa farà Verona?
bac 728x90

Condividi:

16 ottobre 2020 #news

goldspan_728x90

mascheroniselleria 728x90

Dalla Francia sono arrivate altre cancellazioni di eventi durante la giornata di ieri: nonostante il vivo desiderio di mantenere l’appuntamento a 4* di Rouen (previsto dal 19 al 22 di novembre 2020), l’associazione Equi Seine si è infine vista costretta a cancellare questo bellissimo appuntamento. Organizzato dal 2016 al Parc des Expositions da un team di volontari, artefice anche di un’edizione estiva a 3* all’Haras du Loup di Canteleu, questo circuito di salto ostacoli a 4* è certamente un evento francese importante. Per quest’anno, però, tocca rinunciarvi (ma come a tante altre cose…).

saferiding 728x90

Sempre ieri, arriva notizia circa il fatto che alla fine “lascia” anche il GL Events Equestrian Sport Team a capo della Fiera Equita Lyon, che solo l’8 ottobre scorso aveva annunciato di voler mantenere comunque le competizioni (“affinché lo sport viva!” – + info: clicca qui), sebbene a porte chiuse, ossia cancellando per i visitatori il tradizionale Salone del Cavallo. L’appuntamento francese era previsto lungo due settimane, anziché una (come per la nostra Fieracavalli Verona). Tuttavia, anche Lyon Tappa di Coppa del Mondo / Longines FEI Jumping World Cup™ 2020-21 della Lega Europea Occidentale è ad oggi cancellata: l’attuazione del coprifuoco in tutti i comuni della regione francese a partire dalle h 21 non consentono più all’organizzatore di offrire i servizi necessari per un evento di tale livello, al fine di essere comunque all’altezza delle aspettative, nonostante le restrizioni… Va da sé, appare quasi una considerazione scontata – ma, ammettiamolo, ce lo siamo chiesti tutti: e cosa pensavano di riuscire a fare a Lione, anche solo una settimana fa, data la criticità già allora esistente per ciò che riguarda la diffusione esponenziale del virus Covid-19?

HorseAngel 728x90

jumping 728x90

Molti altri Comitati Organizzatori di importanti eventi indoor, nel difficile autunno/ prossimo inverno che stiamo vivendo, volenti o nolenti si son dovuti arrendere; o, meglio, diciamo le cose per come stanno davvero: pur con importanti appuntamenti programmati per il prossimo dicembre o persino a gennaio 2021, alcuni hanno velocemente anteposto la difficile rinuncia alla prospettiva di uno show inevitabilmente più inconsistente, sotto tono, dunque insoddisfacente per tutti (anche per gli sponsor) rispetto alle precedenti edizioni, preferendo guardare ed investire nel 2021: dopo Oslo, Helsinki, Madrid, Amsterdam, La Coruna, Londra e Stoccarda, con l’annullamento della tappa di Coppa del Mondo di Lione, si arriva ad 8 su 13 appuntamenti cancellati. Se già lo era prima, ad oggi l’intero Circuito è ancora più compromesso,

Voler proseguire a tutti i costi (per fare la differenza, pur rimettendoci?) ha come unico fondamento l’incertezza che attualmente regna in molti Paesi europei (Italia compresa) che di certo non è una buona base per “fare”, men che meno per fare “bene”; non si giustifica affatto in termini di responsabilità, visto che la tutela della salute di tutte le parti coinvolte dovrebbe sempre esser primaria. Nemmeno si legittima finanziariamente: con qualsiasi compromesso attuato, con importanti misure di contenimento ogni evento risulterebbe un flop rispetto ai fasti del proprio passato.

Volenti o nolenti, pur mettendo in campo tutta la disponibilità, tutte le risorse possibili in termini di controllo e screaning per eventi indoor di così grande portata e coinvolgimento, il buon senso e la responsabilità verso il prossimo indicano solo una strada: lasciar perdere; strada che molti, anzi, la maggioranza dei Comitati europei, hanno intrapreso per questo autunno, chi prima (volontariamente), chi poi (costretto dai fatti: contagi in crescita esponenziale e conseguenti misure restrittive).

Dopo la “resa condizionata” di Lione, è ovvio chiedersi – una volta di più, visto che tutti si stanno interrogando, da giorni – cosa deciderà il Comitato organizzatore della nostra Fieracavalli Verona per la 122^ edizione, che pure continua a ricordare a tutti che gli eventi ci saranno, si va avanti (tuttavia senza specificare precisamente “come”: Numero di presenze consentite indoor al giorno, modalità di acquisto dei biglietti, accesso al Jumping, accrediti stampa, ecc.).

Per ciò che riguarda la pandemia, non è che la situazione in Italia sia oggi totalmente “serena” e sotto controllo, sebbene certamente meno grave di quella francese. Dunque, cosa deciderà di fare Fieracavalli Verona, dopo la resa di Lyon? Ormai manca davvero poco all’inizio…

© B. Scapolo; riproduzione riservata;

 

 

Condividi:
denirobootco 728x90 1

TAG

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Tutto il sito è protetto da copyright!