Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

NEWS

A Siena il primo progetto nazionale di ippoterapia oncologica

Condividi:

28 novembre 2017 #news



Combattere insieme ai cavalli un grande male: è questa la mission del nuovo percorso di riabilitazione con il cavallo per i malati oncologici, nato grazie alla volontà e all’impegno della Lega Tumori di Siena. Un servizio voluto dall’ex presidente della LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) di Siena, il professor Franco Nobile scomparso lo scorso ottobre, e portato avanti dall’attuale Presidente, Gaia Tancredi.
Un’attività per aiutare i pazienti a superare il difficile percorso psicologico e fisico che va dalla diagnosi al cammino terapeutico. Maggiore serenità, emozioni e magari un sorriso sono gli obiettivi di questa importante iniziativa svolta dai cavalli Mocambo e You Can See Me, ormai in pensione, della scuderia di Gigi Bruschelli.
Oltre ai tecnici del settore equestre è fondamentale la figura di Debora Niccolini, la psicoterapeuta della Lilt con un Master presso l’Associazione Nazionale Italiana Riabilitazione Equestre (ANIRE) che seguirà da vicino il progetto.
Un nuovo modo di fare del bene ancora una volta attraverso i cavalli, famosi “dottori” in grado di sbloccare quei blocchi emozionali che spesso si creano dopo aver ricevuto una diagnosi non positiva della malattia.
Il percorso di riabilitazione comincia con un importante periodo di conoscenza con il cavallo da terra, periodo nel quale il soggetto potrà scoprire e creare un primo legame con l’animale e con se stesso grazie all’introspezione, per poi passare al lavoro in sella.
Un bellissimo ed importante progetto che speriamo vivamente si propaghi presto. Che Siena sia solo un esempio!



© D.M.; riproduzione riservata; in copertina foto ©antennaradioesse; fonti: lanazione.it; antennaradioesse; sienanews.it.



prospera centro equestre

Condividi:




TAGS:

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *