ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

EQUESTRIAN INSIGHTS Horse Therapy

I benefici dell’ippoterapia anche per coloro che soffrono di disturbi da uso di sostanze

I benefici dell’ ippoterapia per coloro che soffrono di disturbo da uso di sostanze
Condividi:
Print Friendly, PDF & Email

 

#focus

I servizi assistiti da cavalli sembrano avvantaggiare coloro che hanno problemi di uso di sostanze, aiutandoli a mantenere il percorso intrapreso e a completare i programmi di trattamento, oltre a migliorare la loro salute mentale.

Nel 2020, 40,3 milioni di cittadini americani hanno registrato un disturbo da uso di sostanze, ma solo circa un decimo di questo numero ha ricevuto cure specialistiche. Tra coloro che si impegnano nella cura di questo disturbo, il mantenimento è incerto e i tassi di abbandono durante i trattamenti psicosociali sono in media del 30,4%. Data l’associazione positiva documentata, tra tempo in trattamento e risultati migliori per le persone con disturbo da uso di sostanze, è stato necessario identificare gli interventi che possono essere utilizzati per aumentare la motivazione, la conservazione e la remissione del trattamento.

Liam Diaz e i suoi colleghi ricercatori, scrivendo sulla rivista Substance Abuse Treatment, Prevention and Policy, hanno affermato che l’uso di servizi assistiti da cavalli durante il trattamento per disturbi psicologici è stato spesso documentato nella letteratura. Tuttavia, si sa ancora poco dei suoi straordinari effetti benefici per le persone con disturbo da uso di sostanze.

Lo scopo dello studio è stato quello di sintetizzare la letteratura esistente, che riportava gli effetti dell’ippoterapia, quando incorporata nel trattamento del disturbo da uso di sostanze.

Il team di revisione ha cercato in quattro differenti database per identificare gli studi che riportano studi rilevanti. Dei 188 titoli, 71 sono stati sottoposti ad una valutazione completa e sei hanno soddisfatto i criteri di inclusione. Altri tre articoli sono stati identificati attraverso altre fonti.

L’analisi dei risultati dello studio ha suggerito un effetto potenzialmente positivo della terapia correlata al cavallo sul completamento del trattamento del disturbo da uso di sostanze, nonché sulla salute mentale dei partecipanti.

I dati hanno indicato che i partecipanti alle sessioni di ippoterapia sviluppano legami con i cavalli e percepiscono la sessione come una gradita pausa dal trattamento tradizionale. Hanno inoltre sperimentato una maggiore efficacia, una prospettiva emotiva più positiva e ha aumentato la loro motivazione a continuare il trattamento.

Nel complesso, Liam Diaz ha affermato che, data la scarsità di studi disponibili e alcune limitazioni metodologiche, l’efficacia dei servizi di assistenza equina in aggiunta al trattamento del disturbo da uso di sostanze è inconcludente. Sono necessarie ulteriori approfondite ricerche prima che possa essere supportata un’ampia implementazione dell’ippoterapia per coloro che soffrono del disturbo di uso di sostanze, ha inoltre affermato il team di ricerca.

Futuri studi attentamente pensati dovrebbero garantire una chiara segnalazione dei dati demografici dei partecipanti e dovrebbero tentare di standardizzare e ottimizzare la terminologia relativa ai servizi che incorporano i cavalli, hanno poi concluso.

Il team di revisione è composto da Liam Diaz, Mirinda Ann Gormley, Ashley Coleman, Abby Sepanski, Angelica Perez e Alain Litwin, dell’ Addiction Medicine Center presso il Prisma Health a Greenville, South Carolina (USA); ed Heather Corley, del Lumin Center, sempre a Greenville.

Bibliografia: Substance Abuse Treatment, Prevention, and Policy volume 17, Article number: 81 (2022); + info clicca qui

(21 gennaio 2023) © L. Ruffino – riproduzione riservata; foto: © EqIn

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

CAPTCHA


Redazione EQIN
INVIA
Il sito è protetto da copyright!