ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

EQUESTRIAN INSIGHTS Salute e benessere del cavallo

Autunno: dodecalogo per i proprietari di cavalli

Condividi:
Print Friendly, PDF & Email

16 ottobre 2017 #focus

Nonostante l’alternarsi dei vari anticicloni nord-africani continui a riservarci temperature addirittura primaverili, siamo in autunno da quasi un mese: è bene che l’arrivo del freddo, quello vero, non ci trovi impreparati. Ecco dunque dodici consigli che speriamo possano tornarvi utili:

1) verificate le coperte del vostro cavallo. Avete ricordato di lavarle e disinfettarle a fine stagione? Avete provveduto a ripararle nei punti in cui qualche strappo sarà probabilmente presente? Se non l’avete ancora fatto correte ai ripari prima di trovarvi a doverlo fare in emergenza.

2) il pelo del cavallo non necessariamente segue l’andamento climatico e in tanti soggetti, infatti, è già cresciuto notevolmente nonostante le temperature non sembrino legittimarlo. Specie se il vostro cavallo è sportivamente attivo, fatelo tosare prima che diventi troppo freddo, così potrete cavarvela aggiungendo sin da subito una coperta non troppo pesante; peraltro il quadrupede risentirà molto meno dello sbalzo termico. Inoltre, visto il clima attuale, eviterà di sudare durante gli allenamenti e voi di perdere il senno nel tentativo di asciugarlo per evitare di lasciarlo nel box ancora madido di sudore.
Per tosare il cavallo rivolgiti a chi di consueto si occupa di questo service oppure, se sei una persona che ama l’avventura e decidi di occupartene personalmente (con i nostri migliori auguri), assicurati che le lame della tosatrice siano opportunamente affilate e pronte all’uso, il cordone elettrico in ordine, senza trascurare l’idonea lubrificazione delle parti meccaniche dello stesso. La manutenzione di questi attrezzi è fondamentale per evitare brutte sorprese durante l’opera.

3) è il momento di organizzare e prenotare i vostri vermifughi. Fondamentale il parere del vostro veterinario di fiducia così da richiedere alla farmacia il prodotto che contenga i principi attivi più idonei al tipo di parassita cui si vuol muovere battaglia.

4) con il freddo il vostro cavallo starà all’aperto sempre meno, poco o, in alcuni casi, affatto, per cui è indispensabile che la lettiera del box sia confortevole e scelta allo scopo di evitare sempre possibili problemi respiratori, legati ad esempio alla polverosità della paglia o alla composizione stessa del truciolo. Per i cavalli anziani esistono inoltre dei sistemi anti-scivolo estremamente utili a scongiurare che questi equidi con ridotta mobilità si “in-boxino”, oltre a costituire un ottimo isolamento dal freddo e dall’umidità che notoriamente “impregna” l’animale salendo dal basso.

5) stagione nuova, dieta nuova: se il vostro cavallo è sovrappeso è il momento giusto per un regime alimentare orientato a risolvere questa problematica. Se invece tende a perdere chili ricordate che abbondante foraggio di buona qualità batte qualsiasi mangime a base di cereali, garantendo il mantenimento delle condizioni di peso dell’equide.

6) massima vigilanza poiché, per i cavalli che non vivono in scuderia ma all’aperto, l’autunno è la stagione della “febbre da fango”, espressione usata per indicare il maggior rischio di contrarre infezioni causate proprio dalle condizioni del terreno in cui vive il cavallo: quando quest’ultimo staziona in troppo fango per lunghi periodi, la contaminazione batterica di eventuali piccole ferite, specie sugli arti del cavallo, è più probabile.

Cavallo a paddock in autunno

7) non dimenticate le vaccinazioni. Vale la pena ricordare che “saltarne” una provoca un beneficio economico solo nell’immediato poiché, oltre ad esporre ad inutili rischi il vostro cavallo, si dovrà poi riavviare la profilassi completa ripetendo i cosidetti “richiami”.

8) Chiedi al tuo veterinario o al tuo medico dentista veterinario, se già ne hai uno, di fare un check, in particolare se il tuo equide è anziano o se è un puledro; consigliabile un controllo ed intervento con cadenza annuale per i cavalli di tutte le età.

9) se il vostro cavallo risiede in una zona dove si possono prevedere temperature sotto lo zero, ricordatevi di portare via tutti gli spray, in particolare gli antimosche, ma anche gli shampoo ed altri liquidi che congelando e scongelando potrebbero perdere molte proprietà (e dunque di efficacia).

10) se possedete dei paddock con recinzioni, avete ancora il tempo per provvedere ad eventuali riparazioni o ampliamenti. Nel terreno ghiacciato diventerà infatti molto più arduo piantare altri pali! Non dimenticate inoltre di controllare la buona funzionalità delle grondaie e dei tombini. I tubi più esposti in cui scorre l’acqua andranno isolati con materiale idoneo per evitare che questi ghiaccino durante le ore notturne. Massima attenzione, quindi, agli abbeveratoi!

11) se uscite in passeggiata in questa stagione, che è anche – !! – quella della caccia, vestite con abiti sgargianti cercando di segnalare per quanto più possibile la vostra presenza ad eventuali cacciatori, specie attraversando zone boschive dove la vostra presenza potrebbe essere travisata o, peggio ancora, mal interpretata.

12) se avete già tosato il cavallo, quando state andando in campo e quando rientrate dopo l’allenamento, ricordatevi di coprire la sua schiena con una copertina, così da evitare pericolosi sbalzi di temperatura.

© A.B.; Riproduzione riservata;  foto © manentailequine.com

TAG

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Scrivi un commento

Redazione EQIN
INVIA
Il sito è protetto da copyright!