ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

Equestrian Books EQUESTRIAN INSIGHTS Salute e benessere del cavallo

Centered Riding – equilibrio corporeo e consapevolezza interiore nel montare a cavallo

bac 728x90

Condividi:

#EquestrianInsights: “Molti di noi sono stati profondamente segnati dall’etica puritana del lavoro, che postula come il successo ottenuto sia direttamente proporzionale al grado di sforzo che gli consacriamo. Fin da quando andiamo a scuola, ci viene detto di lavorare di più per avere risultati migliori, di fare più flessioni, più giri di pista per entrare nella squadra di football. Se non ti metti alla prova non riuscirai. Poi montiamo su un cavallo, una timida creatura da fuga, che non conosce e non si preoccupa dell’etica del lavoro, e lo facciamo diventare pazzo. L’azione stessa di provare provoca tensione e irrigidimento; il cavallo risponde al nostro stress, e la spirale verso il basso comincia” (Sally Swift).

Home 24

 

Rivoluzionario e tranchant, profondo, interessante e utile: queste sono le principali qualità del volume di Sally Swift, “Centered Riding. Equilibrio del corpo e consapevolezza interiore di uomo e cavallo”, opera del 1985 che, grazie alla traduzione di Equitare Casa Editrice, vede finalmente colmata una grave lacuna, rendendo accessibile in lingua italiana uno dei più importanti contributi della letteratura equestre, il libro di equitazione più venduto al mondo.

saferiding 728x90

A rendere rivoluzionario e per certi versi insostituibile questo volume, sia per i cavalieri (specie neofiti), sia per i loro istruttori, è soprattutto il cambiamento di prospettiva e/o approccio che esso presuppone nel montare a cavallo: come indicato dalla citazione in apertura, per l’autrice non basta infatti la buona volontà e l’assiduo esercizio a fare un buon cavaliere: certamente, questo sistema funziona, ed anche molto bene, ma necessita di centinaia di ore, di numerosi cavalli e del contatto costante con un buon istruttore (tutti elementi, questi, che oggi sono appannaggio di pochissime persone); non da ultimo, questo tipo di training può generare non pochi problemi nel rapporto con il cavallo e alla sua integrità fisica, per quanto l’allenamento sia animato dalle più buone intenzioni. “Per capire la causa principale della maggior parte dei nostri problemi con i cavalli, dobbiamo conoscere la storia e la tradizione dell’equitazione, in Europa principalmente tramandata dall’Esercito. Le reclute erano messe in sella a cavalli addestrati, spesso alla longia, poi venivano esercitati per mesi, molte ore al giorno, per ottenere un “buon assetto”. Solo i più caparbi resistevano. L’allievo doveva superare la sofferenza fisica causata dal cavallo in movimento e la sofferenza emotiva dovuta agli urli dell’istruttore. […] A poco a poco, con il passare dei mesi, l’allievo che continuava questo programma imparava a montare. Senza necessariamente aver capito dal punto di vista anatomico quello che il suo corpo faceva per accordarsi con quello del cavallo in movimento“.

goldspan_728x90

jumping 728x90

Centered Riding - equilibrio corporeo e consapevolezza interiore nel montare a cavallo 3

L’insegnamento di Sally Swift proposto in “Centered Riding” muove da presupposti completamente diversi: necessario, per l’autrice, al fine di ottenere il tanto desiderato “buon assetto”, base di ogni potenzialità del binomio cavaliere-cavallo, è studiare e conoscere profondamente il proprio corpo, di modo da poter controllare il proprio equilibrio in tutto e per tutto, imparando a visualizzare mentalmente i propri obiettivi. Attraverso l’uso di vivide, inusuali e particolarmente creative immagini che trascendono la meccanica e, in più, attraverso la conoscenza dell’anatomia umana ed equina, la filosofia di Centered Riding affida pressoché in toto il proprio insegnamento all’immagine mentale e alla focalizzazione (il cui grande potere è, in senso lato, universalmente riconosciuto), per illustrare con sapienza il lavoro per dare a mente e corpo un approccio utile, nuovo e rilassato al processo interiore del cavalcare. Chiunque monti a cavallo sa benissimo che non si tratta solamente di semplice attività fisica; molti avranno certamente individuato come la consapevolezza interiore, il sapiente controllo delle proprie reazioni (fisiche ed emotive) siano componenti essenziali e primarie per raggiungere obiettivi sempre crescenti. Ecco alcuni esempi tra le molte immagini mentali, proposte da Sally Swift in Centered Riding (clicca sull’immagine per ingrandire):

Ovviamente, è presupposta la capacità di focalizzare l’immagine mentale durante lo svolgimento dell’esercizio, concentrando tutta la propria attenzione sull’ottenimento, in sella, di quella precisa sensazione che l’immagine ci suggerisce solo guardandola. Visualizzare e realizzare gli obiettivi sarà tuttavia possibile se e solo se 1) saremo in grado di abbandonare ogni preoccupazione e distrazione mentre montiamo; 2) conosceremo con precisione il nostro corpo, le sue reazioni e la sua rispondenza, al fine di evitare ogni scompensazione nell’equilibrio: e non è forse un caso che proprio chi, come l’autrice, ha combattuto contro tare fisiche, sia in grado meglio di altri di indicare e spiegare la coordinazione e l’ “assetto accompagnatore” necessari per ottenere infine la bella equitazione, che è danza, estetica, coordinamento, fluidità e serenità del binomio in movimento, in totale assenza di rigidità e contrazioni. Ecco i diversi punti presentati e analizzati dalla Swift in Centered Riding (clicca sull’immagine per ingrandire):

 

Immergendoci nella lettura di “Centered Riding. Equilibrio del corpo e consapevolezza interiore di uomo e cavallo” non sarà lontana nemmeno l’eco della filosofia orientale – nella sua applicazione pratica nelle arti marziali, che si basano sul controllo centrato (individuabile nel t’ai chi chi ch’uan) o della sapiente monta degli Indiani d’America. “Siediti come lui, sentendoti lungo, libero ed aperto”:

Centered Riding - equilibrio corporeo e consapevolezza interiore nel montare a cavallo 6

La Statua “Preghiera al Grande Spirito” di Cirrus E. Dallin, pubblicata in Centered Riding pag. 84, con autorizzazione del Museo di Belle Arti a Boston. All rights reserved

free download – scarica gratuitamente: estratto di “Centered Riding” per gli istruttori messo a disposizione da Equitare Casa Editrice →clicca qui → guida-x-istruttore-allungamento-gambe-allievo

Per l’acquisto di “Centered Riding. Equilibrio del corpo e consapevolezza interiore di uomo e cavallo“- 25% fino al 22 ottobre 2016: CLICCA QUI

© Riproduzione riservata – (B. Scapolo) Materiali grafici articolo: all rights reserved Equitare Casa Editrice 

[:en] 3″ width=”150″ height=”150″ />

L’insegnamento di Sally Swift proposto in “Centered Riding” muove da presupposti completamente diversi: necessario, per l’autrice, al fine di ottenere il tanto desiderato “buon assetto”, base di ogni potenzialità del binomio cavaliere-cavallo, è studiare e conoscere profondamente il proprio corpo, di modo da poter controllare il proprio equilibrio in tutto e per tutto, imparando a visualizzare mentalmente i propri obiettivi. Attraverso l’uso di vivide, inusuali e particolarmente creative immagini che trascendono la meccanica e, in più, attraverso la conoscenza dell’anatomia umana ed equina, la filosofia di Centered Riding affida pressoché in toto il proprio insegnamento all’immagine mentale e alla focalizzazione (il cui grande potere è, in senso lato, universalmente riconosciuto), per illustrare con sapienza il lavoro per dare a mente e corpo un approccio utile, nuovo e rilassato al processo interiore del cavalcare. Chiunque monti a cavallo sa benissimo che non si tratta solamente di semplice attività fisica; molti avranno certamente individuato come la consapevolezza interiore, il sapiente controllo delle proprie reazioni (fisiche ed emotive) siano componenti essenziali e primarie per raggiungere obiettivi sempre crescenti. Ecco alcuni esempi tra le molte immagini mentali, proposte da Sally Swift in Centered Riding:

Ovviamente, è presupposta la capacità di focalizzare l’immagine mentale durante lo svolgimento dell’esercizio, concentrando tutta la propria attenzione sull’ottenimento, in sella, di quella precisa sensazione che l’immagine ci suggerisce solo guardandola. Visualizzare e realizzare gli obiettivi sarà tuttavia possibile se e solo se 1) saremo in grado di abbandonare ogni preoccupazione mentre montiamo; 2) conosceremo con precisione il nostro corpo, le sue reazioni e la sua rispondenza, al fine di evitare ogni scompensazione nell’equilibrio: e non è forse un caso che proprio chi, come l’autrice, ha combattuto contro tare fisiche, sia in grado meglio di altri di indicare e spiegare la coordinazione e l’ “assetto accompagnatore” necessari per ottenere infine la bella equitazione, che è danza, estetica, coordinamento, fluidità e serenità del binomio in movimento, in totale assenza di rigidità e contrazioni. Ecco i diversi punti presentati e analizzati dalla Swift in Centered Riding:

Immergendoci nella lettura di “Centered Riding. Equilibrio del corpo e consapevolezza interiore di uomo e cavallo” non sarà lontana nemmeno l’eco della filosofia orientale – nella sua applicazione pratica nelle arti marziali, che si basano sul controllo centrato (individuabile nel t’ai chi chi ch’uan) o della sapiente monta degli Indiani d’America. “Siediti come lui, sentendoti lungo, libero ed aperto”:

 6

La Statua “Preghiera al Grande Spirito” di Cirrus E. Dallin, pubblicata in Centered Riding pag. 84, con autorizzazione del Museo di Belle Arti a Boston. All rights reserved

 

(B. Scapolo)

© Riproduzione riservata – Materiali grafici articolo: all rights reserved Equitare Casa Editrice 

Condividi:
Endurance 1


TAG

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Tutto il sito è protetto da copyright!