Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

EQUESTRIAN INSIGHTS Equestrian Life & People NEWS

Equestrians! Ma quanti soldi “buttiamo”, rispetto alle persone “normali”?

Equestrians! Ma quanti soldi "buttiamo", rispetto alle persone "normali"?

Condividi:

31 gennaio 2019 #focus

E’ indubbiamente interessante comparare come i cavalieri / proprietari di cavalli e/o frequentatori dell’ambiente equestre spendano i loro soldi rispetto alle persone “normali”, ovvero quelle che con i cavalli non hanno nulla a che fare. Lo è prima di tutto perché, se avete anche solo una vaga idea circa i problemi sociali odierni, l’analisi comparata “godimento/benessere/benefici versus dispendio” giustifica ampliamente agli occhi di chiunque l’enorme stanziamento di risorse degli horse-friendly, specie rispetto ad altre frequentissime situazioni/passioni/manie, ai limiti della patologia vera e propria: noi che frequentiamo i cavalli, non siamo poi così “pazzi”… c’è gente che s’indebita per girare il mondo o per essere sempre al passo con gli ultimi dispendiosi trend della moda e/o della tecnologia, e altri – questo è un capitolo veramente triste della nostra società – che letteralmente “si giocano” i loro averi in scommesse e puntate continuative al Lotto, VideoPoker, Bingo…è un problema sociale attuale. Meglio la “malattia” dei cavalli, of course.


Se sei proprietario di un cavallo (o più), esistono buone probabilità che tu non stia vivendo di rendita, e nemmeno, se lavori, che tu non sappia letteralmente dove diversamente buttare il tuo denaro. Certo, lo sai perfettamente ed è evidente, i cavalli ti hanno impoverito. Ciò significa che spendi una (troppa) cospicua parte dei tuoi soldi, ogni mese duramente guadagnati, principalmente non per te stesso/famiglia, ma con e per i tuoi cavalli, al punto che non ne hai più per acquisti “normali” e vacanze. E’ dura resistere al tuo fianco. Dichiariamolo apertamente: perché mai gli #equestrians dovrebbero spendere anche un solo centesimo in oggetti di lusso, suppellettili vari e affini (inutili), nuovo divano ecc., quando invece possono usare il capitale a disposizione per mantenere al meglio la loro passione? Sebbene tu possa guadagnare più denaro dei tuoi amici e della tua famiglia – tutti insieme – sappiamo che nella stragrande maggioranza dei casi proprio la tua famiglia non ti supporta/capisce – non ne può più di cavalli, basta! Ad oggi i tuoi parenti non sono affatto horse-friendly (e come dar loro torto, visto che spesso hai rischiato l’osso del collo e hai speso un – inutile – capitale, variabile ogni mese???). Fuori dal mondo dei cavalli, nessuno CAPISCE davvero. Vediamo il perchê, nel dettaglio:

1) Le persone normali spendono in manicure e pedicure, lampade, palestra; il tuo cavallo viene ferrato ogni 40 gg a suon di una centinaia di euro (qualora non ci siano ferrature speciali/particolari); inoltre, anche se sta bene, di routine il veterinario lo visiterà e gli farà controlli, esami, più o meno ogni 6 mesi. Poi vi dirà anche che servirebbe quell’integratore per aiutarlo. Da somministrare a cicli regolari durante l’anno. Almeno 2 o 3 volte, quindi. Va da sé, il prodotto o preparato galenico che costa almeno qualche “manciatina” di centinaia di euro a botta ( confezione 500 gr, ve ne servono almeno 2 kg; caso vuole che il vostro cavallo sia di mole enorme) non lo trovate/troverete, manco on line in saldo. Fate voi due conti.

2) Le persone normali possono permettersi di mangiare fuori nei ristoranti praticamente ogni weekend, anche per più volte; il tuo cavallo è in cima alla lista della filiera dei possibili e migliori fieno, mangimi ed integratori. Zuccherini e carote settimanali comprese. Ergo…

3) Le persone normali sfoggiano gioielli; il tuo cavallo riceve una sella nuova di zecca, eccezionale, che tu hai sempre desiderato.

4) Le persone normali hanno materassi confortevoli con lenzuola di lino; il box del tuo cavallo è quotidianamente fornito di più e più sacchi di trucioli / carta / lolla di riso / paglia in quantità variabile – a seconda di quanto sporca; l’importante è che stia bene, pulito e all’asciutto.

5) Le persone normali guidano macchine sportive e costose; tu hai un vecchio pick up se va bene, o un Dokker, una Multipla, comunque veicoli tipo furgone che saranno sempre lerci. Serve prima di tutto spazio. Tutto il resto è irrilevante.

6) Le persone normali vanno in vacanza ogni anno; tu non sai, non ricordi nemmeno quando è stata l’ultima volta in cui hai fatto una vacanza, i concorsi non contano! – mica lo posso abbandonare. Anzi no! C’è la variante: la scelta di un posto di villeggiatura dove poter portare anche il cavallo (per fare comunque attività con lui, o, qualora non sia possibile, dove vi sia una buona scuderia di sosta, vicina al posto di villeggiatura scelto).

7) Le persone normali acquistano prodotti per capelli da Salone e si depilano dall’estetista; per te, lo ShowSheen e/o prodotti specifici in base al colore del mantello del tuo cavallo, sono la vera priorità in merito a capelli e peli (+ crini).

8) Le persone normali acquistano belle case; tu invece vivi in un monolocale in affitto, e ogni mese la scuderia che ospita il tuo cavallo riceve per prima il bonifico pattuito.

9) Le persone normali vanno dal chiropratico/osteopata/fisioterapista/agopunturista quando hanno la schiena o altre parti del loro scheletro mal messe; tu no, anche se stai morendo dal dolore, anche se sai bene che quella sarebbe l’unica soluzione.D’altro canto, il tuo cavallo ha un appuntamento programmato con OGNUNO di questi specialisti del settore equino più o meno ogni mese. Salvo seri problemi – ma è proprio per scongiurare questa nefasta ipotesi che i trattamenti per lui sono di routine! – dopo il trattamento schedulato, ogni volta i vari specialisti ti dicono: ok: ora paddock per tre giorni. Poi passo a mano, corda, solo in seguito ricominciare con un lavoro leggero.  Fosse possibile, somministrare anche pastiglie d’arnica (sic est).

10) Le persone normali acquistano vestiti nuovi su base regolare; il tuo cavallo ti fa spendere centinaia di euro in nuove coperte ogni anno, mentre tu indossi degli stracci. Che dire? Le morde, le strappa. Fa freddo, ne serve una in più. Serve anche quella da paddock per quando esce d’inverno e quella per gli insetti d’estate. E soprattutto, servono numerosi cambi perché, ovviamente, le sporca.

© Redaz.; riproduzione riservata; fonte principale: ©eventingconnect ; foto/immagine in copertina: credits non reperibili, immagine via condivisioni Social Network. La redazione è a disposizione per l’identificazione dei credits: info@equestrianinsights.it 

Condividi:
hippofab_336 1

sedik_728




Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *