ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

NEWS

David Broome, vero fuoriclasse: da Wildfire alla scena mondiale

David Broome, da Wildfire alla scena mondiale 1
bac 728x90

Condividi:

22 giugno 2020 #news

goldspan_728x90

mascheroniselleria 728x90

Continua la serie di comunicati stampa/interviste FEI (“FEI Talking Horses”) dedicati a figure di spicco del mondo degli sport equestri, sia per i risultati ed esperienze di vita raggiunti attualmente, sia per la loro grande importanza come fuoriclasse del passato del nostro sport. E’ stavolta il turno del leggendario showjumper David Broome, il cui palmares, come vedremo, è davvero incredibile. Pronti a leggere che cosa ha raccontato il fuoriclasse britannico a Louise Parkes?

saferiding 728x90

Martedì scorso, quando ho chiamato David Broome, aveva appena completato la fienagione al Mount Ballan Manor vicino a Chepstow, nel Galles del Sud, che, oltre ad essere la fattoria di famiglia, ospita anche i popolarissimi show del Galles e dell’Ovest [David Broome Event Centre].
Il leggendario cavaliere britannico di salto ostacoli è profondamente legato alla sua casa. I suoi genitori, Fred e Millie, si trasferirono a Mount Ballan nel 1947 e tutti e quattro i loro figli – David, Liz, Mary e Frederick – nutrivano passione per i cavalli sin da piccoli. Il nonno di David lavorava per un veterinario a Pembroke (Galles) e il padre, Fred, era un cavaliere esperto e un noto commerciante di pony. David ricorda un precocissimo battesimo della sella ed un suo primo, altrettanto veloce, ritiro:
“Mio padre mi ha fatto montare quando avevo circa due anni, usando un’imbracatura da una carrozzina con fibbie davanti, dietro e su entrambi i lati. Col passare del tempo le fibbie sono state rimosse e sono diventato il fantino numero uno per domare i pony di Welsh Mountain, ma mi sono stancato così tanto che mi sono ritirato [da questo] sport quando avevo cinque anni!”. Tuttavia, due anni dopo tutto è cambiato con l’arrivo di una pony chiamata Beauty. “Mi sono preso un po’ di spazio e fantasia, quindi ho ricominciato a montare e la mia carriera proviene da qui!”, racconta.
Pony
Il padre Fred era sempre alla ricerca di pony di talento per i suoi figli. “Quelli che abbiamo tenuto erano buoni, come Ballan Lad che ha saltato col netto 28 gare. Ognuno di loro costava 60 sterline (£ = sterline inglesi), quindi ho avuto una grande carriera in 14.2 secondi. Ci sono state circa cinque gare in cui ho saltato tre round netti con tutti e tre i pony nella stessa categoria. Avevamo solo una sella, quindi potevo avere un po’ di respiro solo mentre la sella veniva cambiata!”.
David disse ai suoi insegnanti della Monmouth Grammar School che voleva fare il veterinario, ma non era vero. Lavorare in fattoria e andare a cavallo era ciò che gli piaceva di più, ma sapeva che i suoi non lo avrebbero permesso. “Ho lasciato la scuola quando avevo 17 anni e c’erano i cavalli, una cosa sembrava seguire l’altra”, afferma.
“Durante il mio primo anno come senior avevo un paio di cavalli che mio padre era solito montare. E poi ne abbiamo comprato uno chiamato Wildfire, dalla Caccia di Monmouthshire che era vicina a casa nostra – anche questo per £ 60. Si stava fermando (si rifiutava di saltare) ma aveva gareggiato in Completo. Lo raddrizzammo, e lui quell’inverno divenne un fidato cavallo da caccia; iniziammo poi a saltare davvero la primavera successiva. Ricorderò sempre il nostro primo concorso al Glanusk, fummo eliminati. Quindi mio padre disse: “Quest’uomo ha solo un’altra possibilità”. Siamo andati a Stowell Park la settimana seguente e il secondo giorno ha vinto tre gare su tre! ”
E’ adorabile come Broome faccia ancora tesoro di questi primi traguardi della sua carriera, nella quale non sono certamente mancate le glorie.
Wildfire
Gli chiedo di descrivere Wildfire. “Un castrone baio con una coda sinuosa, le orecchie appuntite all’indietro e uno sguardo aspro, ma abbiamo avuto un ottimo rapporto”, dice David. Un cambio di regolamento funzionò a vantaggio del binomio: quando il fattore tempo è stato introdotto nello sport, Wildfire è diventato davvero suo.
“In passato erano tre i turni decisivi per stabilire il risultato, ma quando abbiamo iniziato a saltare contro il tempo ero pronto. Wildfire era davvero acuto, un purosangue con molta velocità e un bellissimo galoppo che potevi regolare. Contro il tempo era solo il paradiso! Mi ha messo in viaggio, eravamo al Leading Horse in Gran Bretagna nel 1959, e poi mi ha portato alla squadra olimpica, fino all’arrivo di Sunsalve ”, spiega David.
La sua capacità di andare d’accordo con i cavalli difficili è ben documentata, e quindi ho chiesto a David che raccontasse di dover molto, in tal senso, all’esperienza acquisita durante gli anni trascorsi in sella ai pony: “Avevo tre pony e andavano montati tutti differentemente. […] Sono stato molto fortunato perché mi hanno insegnato a montare in tre modi completamente diversi”, sottolinea.
Grandi nomi
Quindi, quali erano i grandi nomi del salto ostacoli quando David stava percorrendo la scala della sua carriera? “Pat Smythe, Harry Llewellyn e Alan Oliver, e alla fine ho incontrato Harvey (Smith) quando avevo 19 anni”.
Il duro Yorkshireman Harvey sarebbe diventato uno dei personaggi più popolari e coloriti dello sport negli anni a venire e la pista perfetta per il tranquillo ma determinato gallese. Com’è stato quando vi siete incontrati per la prima volta in uno concorso a Northampton? “Ho davvero sentito il rispetto totale, Smith si è fatto da solo, ha lavorato sodo; siamo diventati grandi amici fuori dall’arena. Ma dentro di sé aveva un dannato fuoco infernale! ”
Com’era la vostra rivalità? “Mi ha reso migliore, e spero di averlo migliorato anch’io. Hai contemporaneamente  bisogno di molti bravi sportivi quando gareggi, in modo che ci si sproni a vicenda.
“Smith è stato uno dei migliori perdenti che io abbia mai incontrato, perché se anche stava passando un brutto momento, cinque minuti dopo aver lasciato il campo era di nuovo assolutamente normale. Ma quando era vincitore era una storia molto diversa, si sarebbe trasformato nel più grande dolore che tu avessi mai incontrato – avrebbe detto che eravamo tutti inutili e che nessuno di noi poteva montare!”, dice David con una grande risata.
Fu una svolta del destino che vide Wildfire sostituito da Sunsalve per i Giochi Olimpici del 1960 a Roma. “Abbiamo partecipato ad una delle nostre sessioni di allenamento olimpico presso il Ninian Park Football Club a Cardiff e Pat Smythe aveva appena partecipato alla gara con Sunsalve. Vinse la categoria ed io penso di essere arrivato secondo; sulla strada del ritorno mio padre ha detto: “Pat ha vinto oggi, ma quel cavallo non la seguirà mai più”. Era una cosa strana da dire dopo che qualcuno ha vinto, ma era un vero cavaliere e aveva visto qualcosa, aveva ragione. Da lì infatti abbiamo fatto un tour europeo a Wiesbaden (GER) e Lucerna (SUI), e Sunsalve non ha mai più vinto per Pat.
Rispedito
“Quindi il Comitato Olimpico dichiarò che il cavallo era inutile e lo rispedì al proprietario, Mr Anderson a Norfolk. Nel nostro commercio di pony conoscevamo una signora a Newmarket chiamata Ann Hammond – negli anni abbiamo venduto ben suoi 465 pony. E quando andammo a casa sua un paio di settimane dopo, mio ​​padre le chiese se conosceva il signor Anderson e lei disse di sì. Accettò di presentarci, prendemmo a prestito la sua auto e partimmo per la sua piccola fattoria.[…] In dieci minuti, davanti a una tazza di tè, [Mr. Anderson] ci regalò Sunsalve ”, spiega David.
Ma all’inizio non sarebbe stato tutto semplice. “Dieci giorni dopo partecipammo ad un concorso e lui andò bene, ma al successivo, sia Sunsalve sia un altro piccolo cavallo chiamato Discutido sono stati eliminati in una classe da £ 20! Quindi mio padre ha chiesto agli organizzatori se potevano lasciare su i salti alla fine delle gare, e quindi li abbiamo istruiti entrambi proprio in quel concorso.
“Quattro giorni dopo, Sunsalve ha vinto la King’s Cup (King George V Gold Cup) alla White City, la settimana successiva Discutido ha vinto il campionato nazionale e quella dopo ancora ho vinto il Grand Prix a Dublino con Sunsalve”, ricorda David. A questi traguardi fecero seguito le Olimpiadi di Roma (1960), dove si svolse la gara individuale nella splendida Piazza di Siena, dove David e Sunsalve conquistarono il bronzo individuale mentre gli eroi italiani Raimondo e Piero d’Inzeo guadagnarono rispettivamente la medaglia d’oro e d’argento.
Team Final
La finale a squadre si svolse allo Stadio Olimpico pochi giorni dopo, dove la Gran Bretagna venne eliminata da otto nazioni, mentre Germania, Stati Uniti e Italia salirono sul podio.
David ricorda bene quel giorno perché imparò qualcosa che non avrebbe mai più dimenticato. “Quando ho saltato il primo round del mattino c’erano circa 8.000 spettatori, ma quando siamo tornati per il secondo round del pomeriggio ce n’erano circa 120.000 e non ci potevo credere! Quando la campana suonò, mi misi a correre verso il primo salto e lo mancai (feci un passo falso in avvicinamento) perché ero troppo nervoso. Ma per fortuna il cavallo mi tirò fuori, mi ci misi insieme e dopo è andato tutto bene. Ho deciso quel giorno che il nervosismo non ti porta nulla di buono, e a parte qualche farfalla nello stomaco – o qualcosa del genere – un’ora prima della King’s Cup, da quel momento [l’ansia] non mi ha mai più colpito. Ho deciso che quando entri nell’arena l’unica cosa di cui ti devi preoccupare è come andrà il tuo cavallo, nient’altro ti aiuterà, l’importanza della gara non ha nulla a che fare con questo. Questo è rimasto con me per tutto il resto della mia carriera”, afferma.Avevano già meritato la King’s Cup, il trofeo del Grand Prix a Dublino e la medaglia di bronzo olimpica a Roma quando David e Sunsalve presero parte ai Campionati del Mondo di Venezia (Italia), dove rivendicarono anche il bronzo individuale.
“Sono stato così fortunato ad avere Sunsalve quando l’ho incontrato, avevo solo 20 anni e quando l’ho montato l’ho lasciato galoppare e il cavallo ha pensato di star facendo le cose a modo suo. Se l’avessi avuto più tardi nella mia vita avrei cercato di cambiarlo e probabilmente non sarebbe stato nemmeno per un decimo del cavallo che si è rivelato essere. Ho cavalcato molti cavalli, ma lui era IL cavallo olimpico. Saltò come un cervo, il suo salto fu incredibile ”, afferma il gallese.
Personalità sportiva
C’è un meraviglioso video su YouTube mentre viene consegnato a Broome il premio BBC Sports Personality of the Year Award per i suoi successi del 1960, durante il quale, chiaramente con sommo stupore di David, Sunsalve viene portato in studio e quindi David fatto salire sul cavallo di fronte allo stupito pubblico. Il salto ostacoli era in prima visione in Gran Bretagna in quel momento, e questo Premio diede allo sport una spinta ancora più grande.

David Broome, da Wildfire alla scena mondiale

CLICCA SULLA FOTO PER VEDERE IL VIDEO

Il CV di David è incredibile. S’impossessò nuovamente del bronzo individuale alle Olimpiadi del 1968 in Messico, montando Mister Softee; ai Campionati del mondo nel 1970 meritò l’oro individuale con Beethoven, nonché l’oro a squadre con Philco nel 1978. Il suo record del Campionato Europeo include un doppio di oro con Mister Softee nel 1967 e 1969 , team silver con Philco nel 1977, team gold nel 1979 in sella a Queensway Big Q e team silver di nuovo nel 1983 e 1991 con Ross e Lannegan.
E poi c’è l’ambita King George V Gold Cup nella quale ha raccolto sei volte la vittoria su sei cavalli diversi. “Negli anni ’50 e ’60 è stata la classe suprema a vincere, ed è un trofeo così bello”, dice David. La prima volta che vinse con Sunsalve, lo conservò per sei mesi su uno scaffale proprio dentro, incastonato, alla porta di casa. Ma con il passare degli anni il valore di quel trofeo divenne quasi inestimabile, quindi quando lo rivendicò per l’ultima volta nel 1991 lo consegnò al suo patrono, Lord Harris, “perché con lui era più al sicuro che con me!”, dice David.

Ieri e oggi

Chiedo a David di confrontare lo sport di allora con quello di oggi. “Al giorno d’oggi i salti non sono così grandi. Avevamo un oxer in Messico, con il piliere anteriore di circa 5 piedi e 4 pollici (1,64 m), largo 6 piedi e 6 pollici (2,1 m) e con il piliere posteriore era di 5 piedi e 8 pollici (1,76). Solo due cavalli lo hanno saltato durante i Giochi, non ho mai visto un salto simile prima o dopo! Quando arrivò Olaf Petersen cambiò lo sport in modo che diventasse più tecnico e questo lo salvò in molti modi. L’unica cosa è che oggi non testiamo più il coraggio del cavallo e penso che dovrebbe esser fatto qualcosa al riguardo. Nel salto ostacoli il salto a “fronte stretto” ha una larghezza di 2,43 m, ma nel caso è alto è 1,2 piedi (1,2 m), quindi perché non avere dei fronti più stretti e testare così il controllo del cavaliere sul cavallo?”, suggerisce.
David è stato estremamente influente nella creazione del Circuito FEI Jumping World Cup™. “Ho vinto il Grand Prix a Hertogenbosch (NED) – c’erano solo sei o otto concorsi indoor in quei giorni – e ho pensato che dovessimo avere una finale per tutti questi eventi indoor. “A quel tempo avevamo formato l’International Jumping Riders Club e il Principe Philip era presidente della FEI e pensavamo che fosse una grande idea. Ci ha invitato a inviare due rappresentanti ogni anno alla riunione dell’Ufficio di presidenza dell’Assemblea generale per trasmettere opinioni e dare suggerimenti, il che è stato un grande passo avanti, quindi sono andato con Eric Wauters. Ho parlato con Paul Schockemöhle che ha detto, conosco un uomo che sponsorizzerà il circuito, il signor Gyllenhammar di Volvo, e poi Max Ammann è a sua volta saltato sul carro e lo ha preso in consegna, ed è così che è iniziata”, racconta.

Preferiti

Alla domanda di indicare alcuni dei suoi luoghi e concorsi preferiti, David risponde: “Adoro sempre il giorno della Coppa Aga Khan (Coppa delle Nazioni) a Dublino, Roma solo per il luogo in cui si trova, l’Olympia (Londra) perché è probabilmente il miglior spettacolo indoor ma Aachen oggi è il luogo numero uno al mondo. Se fossero stati li campionati del mondo ogni anno, non credo che qualcuno si lamenterebbe! ” risponde.
Chi erano gli avversari che più ha ammirato durante la sua carriera? “Beh, Harvey perché è sempre stato l’uomo da cercare di battere, perché non ha mai rinunciato. Alwin Schockemöhle perché era il massimo professionista. Era capace di essere il penultimo a saltare e quindi andare in testa, e quando usciva dal campo avrebbe dato al suo cavallo due o tre minuti di assestamento, proprio mentre l’ultimo cavallo stava saltando. Tutti gli altri sarebbero saltati giù per vedere l’ultimo finire e sperare di non esser battuti. Ma non Alwin, egli avrebbe tranquillamente istruito il suo cavallo, rendendolo pronto per domani. Era un vero cavaliere. La sua tecnica per avere i cavalli in mano, avere i muscoli sempre morbidi e pronti – era superbo. L’ho sempre ammirato ed è l’uomo più adorabile.
“E Rodney Jenkins, l’ho visto riscaldare Idle Dice ai Madison Square Gardens di New York […]; La posizione degli americani in sella è sempre stata fantastica. Abbiamo iniziato le nostre carriere facendo acrobazie, ma gli americani erano sempre perfettamente bilanciati. Bill Steinkraus – le sue gambe non si sono mai mosse, e ottieni quello stile solo se il cavallo sta lavorando correttamente”, sottolinea.

Il momento più superbo

Il momento di cui David è più orgoglioso è un po’ una sorpresa: “quando ho vinto il Foxhunter (Novice Championship) con Top of the Morning saltando l’unico round netto a Wembley”, dice. E qual è il suo consiglio ai concorrenti di questo sport oggi? “Ricorda che non necessariamente vinci di più, più spesso salti”.
Negli ultimi anni, l’attenzione di David si è rivolta allo spazio espositivo del Galles e dell’Ovest al Mount Ballan Manor, che ospita molti concorsi durante tutto l’anno, tra cui un enorme Home Pony International. “È stata la seconda parte della mia vita”, afferma. “Mio padre voleva creare la versione gallese di Hickstead, quindi ha iniziato circa cinque anni dopo la creazione di Hickstead e mi piace pensare che abbiamo avuto successo. Facciamo un concorso felice, ora è organizzato dai miei figli James e Matthew e fanno un ottimo lavoro, ne sono orgoglioso “.
Riflettendo sulla sua brillante carriera, David conclude: “Ero il figlio di un contadino e i cavalli mi hanno portato in giro per il mondo. Sono stato fortunato in tanti modi diversi, ho avuto la fortuna di incontrare Lord Harris che mi ha supportato da quando avevo 30 anni in poi e ho avuto dei cavalli meravigliosi e dei giorni sportivi fantastici. Per tutto ciò, posso solo essere eternamente grato”.

© trad. it. a cura di Redaz.; riproduzione riservata; fonte principale: Comunicato Stampa FEI/ L. Parkes; foto copertina © FEI archive: David Broome & Mister Softee Olympic Games in Mexico (1968).

 

 

 

Condividi:

TAG

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Tutto il sito è protetto da copyright!