ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

NEWS

Liberi, liberi… di fare quasi tutto, ma con regole (minime) da seguire

Covid-19: liberi di fare quasi tutto, ma con regole (minime) da seguire
bac 728x90

Condividi:

23 giugno 2020 #news

goldspan_728x90

mascheroniselleria 728x90

Liberi liberi siamo noi
Però liberi da che cosa
Chissà cos’è, chissà cos’è… (Vasco Rossi)

Dopo il nulla osta alla libera frequentazione delle scuderie dove è ospitato/vive il proprio cavallo o semplicemente si pratica attività equestre, sono stati attivati anche molti concorsi (ossia l’attività agonistica svolta con gli equidi, così tanto desiderata dopo il lock down totale – vissuto e subìto per ogni attività, non solo equestre), sia per ciò che riguarda gli eventi internazionali (CSI), sia per quanto concerne gli appuntamenti nazional-regionali: in termini di numeri, lo scorso weekend è stato assai eloquente circa la voglia di tornare a gareggiare di tantissimi equestrians, di tutti i livelli (si sono contati quasi 2600 i binomi in gara in Italia… ).

saferiding 728x90

Inoltre, dopo circa un mese, viene più o meno ovunque liberalizzato anche l’ingresso alle scuderie/C.I.:. questo significa che non sono più necessarie le prenotazioni per gli ingressi/registrazione preventiva in specifiche fasce orarie, relativamente alla propria presenza. Potete quindi tornare / andare dal vostro cavallo quando e quanto volete! Permane tuttavia l’obbligo della registrazione e della misurazione della temperatura corporea in entrata, per chiunque acceda alla struttura. Un primo indicatore, fondamentale, circa il fatto che esistono / ci sono ancora delle (semplici) regole da seguire/rispettare!!!

HorseAngel 728x90

jumping 728x90

Per tutti, l’invito che rivolgiamo a fronte di questa (quasi del tutto) riconquistata normalità – proprio affinché rimanga tale per ognuno di noi e, anzi, possa procedere verso la più completa liberalizzazione di tutte le attività (come accadeva non tantissimo tempo fa, anche se paiono mille anni…) – è quello di non presenziare né intraprendere alcuna attività in scuderia prima di aver effettuato, all’arrivo nel centro ippico, l’accettazione/check in. Potreste avere qualche linea di febbre e non saperlo… non dimenticatelo mai, questi controlli svolti nelle strutture che abitualmente frequentate servono, ad oggi, anche a voi stessi!

Si ricorda inoltre il permanere dell’obbligo dell’utilizzo della mascherina in tutti i luoghi al chiuso (ivi comprese le scuderie), così come all’aperto laddove mantenere la distanza di almeno un metro con altre persone non sia possibile. Il distanziamento sociale s’impone infatti anche oggi, con la stessa attenzione di ieri durante l’apice della crisi sanitaria: non solo come / in qualità di autotutela, ma come prassi da adottare in vista di un ulteriore ed auspicabile miglioramento del calo della proliferazione dei contagi da Covid-19, sempre presenti, seppur in numero di casi e decessi decisamente minore rispetto al funesto periodo degli scorsi mesi (marzo-aprile).

Da non dimenticare infatti che la vita di questo invisibile virus – sebbene oggi meno diffuso/frequente nel suo incessante moto da persona a persona, con l’unico obiettivo rivolto alla propria sussistenza/proliferazione – è attualmente attiva, ossia che ammalarsi o far ammalare i propri cari è sempre possibile, complice la presenza in luoghi oggi aperti al pubblico – siano questi di minima/discreta/ampia affluenza – di (involontari) asintomatici che abbiano comunque contratto il Covid-19 ed inconsapevolmente lo diffondano, in quanto ancora infetti: la dinamica della sussistenza e proliferazione di questa potentissima ed oscura malattia virale non è infatti cambiata! Serve dunque adottare cautela, somma attenzione: il nostro confinamento, ossia il blocco dei mesi scorsi ha funzionato per diminuirne la diffusione all’apice della sua espressione. Oggi, in realtà, siamo più esposti al virus e alla sua proliferazione, specie in tutti quei luoghi che finalmente stiamo tornando, numerosi, a frequentare: ergo, dobbiamo essere maggiormente attenti, soprattutto rispettando quelle semplici pratiche/regole che ormai tutti ben conosciamo.

Si tratta di norme sanitarie che attualmente valgono ancor di più, con le “porte aperte”: nel caso degli equestrians, specie laddove il Centro Ippico cui si afferisce/si frequenta ospiti degli esterni – ossia campi estivi, stage, concorsi – o nel caso in cui ci si rechi altrove, all’estero. L’invito che rivolgiamo a tutti è sempre quello di cercare di ridurre al minimo indispensabile la propria presenza presso il Centro Ippico di afferenza o durante i concorsi in strutture/luoghi terzi; parimenti, cercare comunque di limitare allo stretto necessario i contatti sociali, da svolgersi sempre e solo secondo le indicazioni e con i dispositivi di sicurezza sanitaria. Per fronteggiare e combattere la pandemia da Covid-19, che, seppur numericamente in calo, è comunque sempre attiva e presente in Italia, ricordiamo dunque le basilari norme igienico-sanitarie prescritte e già ampiamente ribadite:

  • Lavarsi le mani il più spesso possibile; utilizzare igienizzanti.
  • Evitare sempre e comunque il contatto delle mani con occhi, naso e bocca.
  • Portare attenzione al mantenimento minimo del distanziamento sociale indicato dall’ISS rispetto a terzi, anche all’aperto (1 mt almeno);
  • Servirsi il più frequentemente possibile della mascherina: la quale, tuttavia, va adeguatamente utilizzata in base alla propria specifica funzionalità (lavabile o meno / usa e getta) [Abbandonarla appesa alla porta del box del proprio cavallo mentre si è in sella – ossia nell’unico momento in cui non è richiesta – non è di certo una buona prassi igienico-sanitaria… eppure, accade…].
  • In tutti i luoghi pubblici, come nel proprio o in Centri Ippici diversi, evitare di stanziare senza protezioni negli spazi normalmente a contatto o condivisi da/con terzi, come spogliatoi / bagni/ sale ristorante/ club house, ossia in tutti i locali aperti al pubblico.

In un momento molto delicato come quello che stiamo vivendo, con riaperture e liberalizzazioni di quasi tutte le attività post lock down dall’epidemia, vi invitiamo con forza a continuare a rispettare, per ciò che vi riguarda/ compete, le minime regole di auto ed altrui tutela utili per continuare a fronteggiare il proliferare del contagio, specie continuando a considerare il fatto – ormai arcinoto, ribadito… ma non ci stancheremo mai di ripeterlo! – che ognuno di noi potrebbe involontariamente essere/farsi veicolo del virus per altri. Il terribile mostro Covid-19 è certamente meno diffuso in Italia rispetto a qualche mese fa, ma è comunque, ad oggi, vivo, vegeto, operativo: alcuni auspicavano un suo depotenziamento col sopraggiungere del caldo estivo, ma, al momento, non ci sono dati scientifici che suffraghino questa ipotesi…

Noi, come tutti voi, desideriamo solo arrivi il giorno in cui riusciremo a sconfiggerlo del tutto, per non sentirne più nemmeno parlare, confinandolo solo nei nostri peggiori ricordi del 2020… dunque, oggi,  cooperiamo tutti per realizzare, infine, questa vittoria!

© B.Scapolo; riproduzione riservata; foto copertina © horseacademy 

 

 

Condividi:

TAG

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Tutto il sito è protetto da copyright!