ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

NEWS

Je reste chez moi: gli equestrians francesi come gli italiani

Je reste chez moi: gli equestrians francesi come gli italiani
bac 728x90

Condividi:

17 marzo 2020 #news

Home 24

Non siamo più soli a fronteggiare l’inevitabile separazione dai nostri amati equidi, imposta dalle misure governative atte a contenere il contagio pandemico del virus Covid-19. Anche gli equestrians francesi sono stati oggi obbligati ad adottare le stesse identiche restrizioni previste per la vita degli italiani, ivi comprese quelle relative agli accessi in scuderia.

saferiding 728x90

Non si tratta certo di un “mal comune, mezzo gaudio” – c’è veramente poco da gioire, in questi tempi difficili. Resta il fatto che, sentirsi meno soli, aiuta, un minimo.

goldspan_728x90

jumping 728x90

A seguito delle stringenti misure adottate dal governo francese per rallentare la diffusione del Coronavirus, le strutture equestri hanno infatti dovuto a loro volta chiudere le porte. La Federazione francese equestre (FFE) lo ha confermato oggi, tutte le strutture equestri devono essere chiuse al pubblico almeno fino al 15 aprile 2020. Solo “le necessità assolute riguardanti il benessere di pony e cavalli” possono consentire ai proprietari di recarsi dal loro equide, esattamente come sta accadendo per noi in Italia: #iorestoacasa #jerestechezmoi

Il Magazine grandprix-replay.com ha dato subito voce a Jean-Claude Bérard, responsabile del centro equestre della Val de Sienne, à Gavray, chiedendogli come intende corrispondere a questa emergenza: consapevole della preoccupazione che può causare la distanza dai proprietari, egli ha già pensato a tutto: “La nostra clientela reagisce piuttosto bene ai divieti posti in essere. Ci prenderemo cura dei loro cavalli e comunicheremo con loro tramite videochiamata per mostrargli che i loro protetti stanno lavorando, di modo che possano seguirne gli sviluppi. Ciò consentirà loro di mantenere un contatto empatico con i propri cavalli”.

Indubbiamente uno spunto interessante, per consentire ai proprietari di “esser presenti” comunque in scuderia: lo stiamo vedendo e vivendo, la tecnologia ad oggi ci sta aiutando moltissimo: per lavorare, per mantenere i rapporti sociali. Ergo, perché non fare lo stesso con le attività dei nostri cavalli in scuderia, che si svolgono nonostante la nostra involontaria assenza?

© B.S.; riproduzione riservata; fonte principale: grandprix-replay.com; foto:© A.Benna / EqIn

Condividi:
Endurance 1


TAG

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Tutto il sito è protetto da copyright!