ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

Equestrian Books EQUESTRIAN INSIGHTS

Nello specchio di Pan – il cavallo dal nome greco che significa tutto

bac 728x90

Condividi:

#Equestrian Insights – 10 dicembre 2016

Home 24

“Solo la passione e le grandi passioni possono elevare l’anima alle grandi cose” (Denis Diderot)

saferiding 728x90

Per scoprire i tanti benefici dello sviluppo di una relazione concreta tra uomo e cavallo, la via probabilmente più diretta rimane quella del cuore: non tutti credono che i cavalli siano dotati di sentimenti uguali o simili a quelli degli esseri umani, sebbene per provarlo negli anni siano stati compiuti numerosi studi. In realtà, basterebbe saper osservare a cuore e mente aperta le reazioni del cavallo, cercare di sforzarsi per comprendere il suo continuo tentativo di stabilire una comunicazione con noi, ed ascoltare fino in fondo le nostre sensazioni al suo fianco (a terra o in sella), ossia tutto quello che in profondità questi animali suscitano in noi, senza lasciarci condizionare troppo da quel che “crediamo di sapere”, ossia da pre-giudizi (credere di sapere già – prima – quel che in realtà non si conosce affatto)… L’insieme dei nostri preconcetti sui cavalli è troppo spesso e troppo comodamente riassumibile in un semplice antropocentrismo, quello che ci porta a interpretare e a vivere la relazione con questi animali esclusivamente mediante le categorie di sottomissione e subordinazione in virtù dell’idea della superiorità della nostra specie, di fatto privandoci di numerosissime esperienze, tutte connesse ad un approccio empatico con l’animale.

goldspan_728x90

jumping 728x90

dsc_5010-minim

“I cavalli sono come degli specchi […] e ciò che riflettono di noi è proprio ciò che non vogliamo riconoscere” (Maria Lucia Galli).

Pensare a fondo allo sviluppo di una relazione paritetica, considerare i cavalli come soggetti individuali portatori di peculiarità, dignità e diritti, pur nella differenza della loro specie dalla nostra, accogliendone e stimolandone la specifica libertà di espressione con l’obiettivo dello sviluppo di una più proficua relazione tra uomo e cavallo, rientra da anni tra i principali interessi e scopi dell’attività di Maria Lucia Galli (giornalista, psicologa e scrittrice) che noi condividiamo pienamente. logo_equitareTra i suoi numerosi interventi una certa attenzione è da riservarsi al suo “Lo specchio di Pan” edito da Equitare Casa Editrice, con cui Galli, misurandosi con la forma narrativa del romanzo, sperimenta la possibilità di trasmettere emozioni e rendere così più immediate ed esplicite le esperienze di una vera relazione tra uomo e cavallo.

Nel romanzo “Lo specchio di Pan” la protagonista Sara, veterinaria, incontra casualmente un vecchio cavallo che in lei risveglia istantaneamente ricordi e ferite mai superati: questo magma problematico si specchia, nel tentativo di interpretarsi e comprendersi, in Pan, il suo primo cavallo dal nome greco “che rappresenta tutto”, coinvolgendo l’intero vissuto dell’irrisolta personalità della protagonista (il suo rapporto con la genitorialità, con il sesso, con le relazioni in senso lato). Al contempo, anche il vecchio cavallo grazie all’incontro con Sara tornerà a riscoprire il terreno dimenticato dell’affetto e della cura. Galli ci racconta una storia appassionante, che diventa modello di come la relazione con il cavallo possa divenire fondante e totalizzante per l’essere umano: da sempre, il cavallo risveglia infatti in noi potenti e complessi desideri, da tempo immemore presenti nell’inconscio collettivo. I cavalli sono infatti “cartine di tornasole delle nostre emozioni” (“Lo specchio di Pan“). La passione per questo animale può nascere da un colpo di fulmine o instaurarsi progressivamente.

15423722_1663301837300536_442670634_n

Può nascere da un’immediata e insperata complicità tra noi e il cavallo o, all’opposto, dal nostro reiterato tentativo di crearla e stabilirla, laddove essa sia più o meno assente per i motivi più diversi (“quando vuoi aprire una porta devi avere la chiave giusta” – ivi – nel cercare una comunicazione veritiera e profonda con questo animale prima di tutto “bisogna saper costruire l’attesa”). Come Lo specchio di Pan ci racconta, questa passione, questo strano e folle legame che così spesso lega indissolubilmente gli uomini ai loro cavalli, diventa invadente e, senza mezzi termini, si trasforma spesso in una scelta di vita: ogni cavallo può donare all’uomo quell’emozione, quell’armonia, quel piacere e gratificazione (possibile sia nell’esperienza di un amatore, sia in quella del professionista) che non incontra similitudini e altri luoghi; tutti ne vengono, in un modo o nell’altro, trasformati, arrivando addirittura (più spesso di quanto non si creda) a riorganizzare, a reinventare l’intera propria vita attorno a quest’unica, grande passione (caricandosi anche di rinunce, costrizioni e difficoltà di ogni tipo)… Tutto questo accade ancora in nome del cavallo, talvolta proprio ed esclusivamente in nome di un unico cavallo. Innumerevoli sono gli esempi concreti di simili metamorfosi intervenute dopo l’incontro, a qualsiasi età, con questo animale, che stravolgono la vita delle persone: Lo specchio di Pan racconta proprio una di queste storie.

dsc_5420-min

La maestria di quest’opera di narrativa sta tutta nell’adozione della voce narrante con punto di vista interno per tutti i protagonisti, uomini e animali. Tutti coloro che hanno avuto un rapporto profondo con un cavallo, che diversamente amano o hanno amato i cavalli, “la loro imprevedibilità, il loro maledetto gusto di complicare le nostre giornate e il nostro vissuto”, vi si riconosceranno: consigliamo dunque di immergersi nella lettura e farsi coinvolgere dal raro e prezioso potere di questa scrittura capace di evocare emozioni note, ma anche di suscitarne di nuove.

Lo specchio di Pan: Per l’acquisto CLICCA QUI

© Riproduzione riservata – (B. S.); Foto: all rights reserved CDCommunication

Condividi:
Endurance 1


TAG

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Tutto il sito è protetto da copyright!