ATTENDI...

Cosa vuoi cercare?

EQUESTRIAN INSIGHTS Etologia - ricerche e studi

Ecco il Protocollo AWIN per la valutazione del benessere dei cavalli

Ecco il Protocollo AWIN per la valutazione del benessere dei cavalli 6
bac 728x90

Condividi:

19 giugno 2020 #focus

goldspan_728x90

mascheroniselleria 728x90

E’ disponibile l’affidabile protocollo di valutazione del benessere degli equidi pensato anzitutto per i loro proprietari e, in generale, per tutti coloro che gestiscono cavalli, risultante dal Progetto Animal Welfare Indicators (AWIN), coordinato dal prof. Adroaldo J. Zanella (Universidade de São Paulo) e cofinanziato dalla Commissione Europea, frutto di una collaborazione tra l’Università Statale di Milano, l’IFCE, il Centro INRAE della Val de Loire (Michela Minero, Emanuela Dalla Costa e Francesca Dai – Università degli Studi di Milano, Italia – Dirk Lebelt e Philipp Scholz – Pferdeklinik Havelland, Germania) e molti altri (vedi partner a fine articolo). Nello specifico di ciò che per questo progetto riguarda l’Italia, l’iniziativa per la diffusione dei contenuti del protocollo AWIN di valutazione del benessere dei cavalli è promossa dal Ministero della Salute e dalla Federazione Italiana Sport Equestri.

saferiding 728x90

Ecco il Protocollo AWIN per la valutazione del benessere dei cavalli 7

In generale, il progetto Animal Welfare Indicators / AWIN si è occupato dello sviluppo, dell’integrazione e della diffusione di indicatori affidabili del benessere animale, con particolare enfasi sulla valutazione e sul riconoscimento del dolore. Il protocollo specificamente dedicato al cavallo, di semplice applicazione sul campo e sufficientemente completo al fine di condurre a risultati affidabili, è stato elaborato a partire da numerosi studi sperimentali, arricchiti delle conoscenze scientifiche ed etologiche più recenti. Nel suddetto protocollo viene anzitutto premesso e ricordato che “la definizione di benessere animale attualmente riconosciuta si basa su un concetto multidimensionale in cui l’animale gode di uno stato di salute sia mentale che fisico e si trova in armonia con l’ambiente in cui vive (Hughes, 1976; Broom, 1986). L’ambiente, le risorse a disposizione e la gestione dell’allevamento possono influire sulle condizioni di benessere dell’animale, che si adatta con risposte comportamentali e fisiologiche”.

HorseAngel 728x90

jumping 728x90

“Sistemi di monitoraggio del benessere animale nell’allevamento sono stati sviluppati a partire dal XXI secolo. Inizialmente, questa indagine si basava prevalentemente sulla valutazione dell’ambiente e includeva, ad esempio, indicatori relativi alle strutture o alle risorse dell’allevamento. Questi indicatori basati sulle risorse (resource based) e sulla gestione (management based) dovrebbero esser da sempre considerati fattori di rischio che possono influire sul benessere animale; tuttavia, per valutare quest’ultimo nell’allevamento è fondamentale sviluppare e utilizzare indicatori basati sugli animali stessi (animal based)”.

Nel Protocollo, si specifica anzitutto che, durante lo svolgimento delle indagini, “la sicurezza e il benessere costituiscono una priorità. Il valutatore, il responsabile o il personale della scuderia e gli animali non devono mai essere messi in pericolo. Gli animali devono essere trattati in qualsiasi momento con cautela e rispetto. Se non è possibile completare l’intera valutazione o parte di essa senza compromettere il benessere dell’animale a causa di paura, disagio, dolore o contenimento eccessivo, la valutazione deve essere interrotta”.

La valutazione del benessere degli animali si basa su 4 principi di base fondamentali (dieta, residenza/alloggio, salute e comportamento) e consiste nell’arrivare infine a verificare che l’animale si trovi in uno stato fisico e mentale positivo, dovuto anzitutto al rispetto dei suoi bisogni fondamentali. Per i cavalli queste necessità basilari possono essere riassunte in: cibo (per lo più composto di foraggio), capacità di muoversi liberamente e a volontà, capacità/possibilità di esprimere comportamenti naturali specifici della propria specie (in particolare di avere contatti con i congeneri), buona salute + buon rapporto con gli uomini.
Protocollo di valutazione del benessere dei cavalli
Protocollo di valutazione del benessere dei cavalli 1
Protocollo di valutazione del benessere dei cavalli 2
Risultati 2016-2019:
Il primo studio sperimentale del progetto mirava a specificare l’affidabilità e la riproducibilità intra e inter-osservatore degli indicatori del protocollo AWIN Horse, confrontando due lotti di cavalli in condizioni di benessere ottimali (paddock con gruppo) o limitato (stabulazione individuale). I risultati hanno evidenziato la necessità di migliorare l’indagine, mirando ulteriormente la valutazione di alcuni indicatori, dunque aggiungendone altri per avvicinarsi davvero al vissuto presente e allo stato emotivo dei cavalli. Per fare questo, un secondo studio sperimentale ha permesso di convalidare due nuovi indicatori: comportamenti e posture che rivelano stati di malessere (stereotipie, apatia, ansia, aggressione verso gli umani) + la posizione delle orecchie, soprattutto mentre il cavallo sta mangiando, postura che può essere indicativa di disagio specie nel caso in cui le orecchie siano poste e mantenute all’indietro per un periodo più lungo rispetto al “normale”.
L’affidabilità e la fattibilità del protocollo sono state quindi valutate sul campo in diversi modi, con differenti tipi di attività equestri. In totale, sono stati esaminati quasi 500 cavalli, e questa popolazione di riferimento si riferisce ai dati raccolti durante il progetto AWIN presso 50 strutture situate in Germania e in Italia.

Il protocollo di benessere del cavallo, che potrete interamente consultare qui sotto (cliccando sul pulsante “per maggiori informazioni”), include ben 30 indicatori specifici per il cavallo. Essi sono adatti per l’osservazione sul campo in modo piuttosto semplice e rapido, senza attrezzatura specifica, ma richiedono tuttavia rigore e metodo per arrivare ad una valutazione veramente affidabile. Da rilevare inoltre che, al momento, è in fase di sviluppo un’applicazione (App) per cellulari e tablet attraverso la quale questo protocollo potrà essere facilmente utilizzato da tutti i proprietari e gestori di cavalli: sarà resa disponibile gratuitamente su piattaforme di download durante il corrente anno 2020. Vi terremo informati in merito.
Si evidenzia infine che il suddetto Protocollo è stato progettato per valutare più cavalli che vivono insieme (a paddock come in scuderia), ma può essere utilizzato anche per un solo cavallo, sebbene i risultati saranno meno rilevanti.

FEI Awards 2019, Costanza Laliscia c'è! Votiamo!

CLICCA QUI PER ACCEDERE AL PROTOCOLLO

Ecco il Protocollo AWIN per la valutazione del benessere dei cavalliEcco il Protocollo AWIN per la valutazione del benessere dei cavalli 1Ecco il Protocollo AWIN per la valutazione del benessere dei cavalli 2Ecco il Protocollo AWIN per la valutazione del benessere dei cavalli 3

© B.S.; riproduzione riservata; in copertina foto © EqIn con logo © AWIN

Condividi:

TAG

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Scrivi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Tutto il sito è protetto da copyright!